domenica 22 febbraio 2009

A Carnevale ogni chiacchiera vale!

Bando alle ciance! qui bisogna spignattare. Siamo a febbraio nel mese del carnevale e anche nel mese più freddino e gelido direi! Quindi rifugiamoci nel calduccio della nostra cucina a sfornare dolci della tradizione culinaria regionale, a leggere, a degustare una tazza di caffè o di tè, a concedersi un po’ di spazio creativo e rilassante. Ho preso questa ricetta da un ricettario del 1982 di mia madre e ho chiamato anche Lei per imparare a farle. Sono le cosiddette “chiacchiere o frappe” che sono conosciute in Italia con nomi diversi. Ho fatto una piccola ricerca e mi risulta che in Toscana si chiamano cenci, in Veneto galani o crostoli, in Lombardia chiacchere, in Emilia sfrappole e poi bugie, nastrini delle monache eccetera.
Quindi in questi giorni “grassi” e “fritti” ho osato pure io :-) anche in versione tè Matcha, oramai sono una addicted Tè Matcha!

Questi dolcetti sono per i bambini e non solo :-) e simboleggiano appunto il Carnevale, preparati il giovedì grasso e il sabato grasso e mi riportano indietro nel tempo a rievocare scene di sagre popolari e veglioni carnevaleschi, a quando ero piccina tutta felice nella mia maschera da topolino come in questa foto, insieme agli altri bambini nella piazza del mio paese nativo, a rincorrerci dietro e a tirarci coriandoli, mentre passavano carri allegorici e suonavano musiche allegre e colorate! Quanto tempo è passato e come si è persa nel tempo questa tradizione e cultura. Oggi giorno si contano sul palmo di una mano i paesi che ancora riescono a festeggiare il carnevale con danze e musiche folckoristiche... Invece una volta era ogni giorno una festa. Che peccato!

Ma lasciamo da parte i ricordi e torniamo ai fornelli.
Preparazione delle chiacchere marchigiane


Ingredienti:
500 gr di farina
50 gr di burro
3 uova
mezzo bicchiere di anice (Varnelli o altro liquore aromatico)

100 gr; di zuccherosemolatozucchero a velo q.b.un pizico di saleabbondante olio di semi o strutto per friggeredue cucchiaini di tè Matcha per la versione verde


Versare la farina a fontana su una spianatoia, rompere nel centro le uova, aggiungere lo zucchero semolato, il burro sciolto, un pizzico di sale e mezzo bicchiere di liquore (io ho messo l’anice ma voi potete mettere quello che preferite). Impastare insieme gli ingredienti sino ad ottenere una pasta consistente. Lasciatela riposare per un’oretta circa. Prendere la pasta e stenderla con il matterello (io l’ho divisa in due parti, per farne una con il tè Matcha) facendola diventare piuttosto sottile, spolverizzando ogni tanto con un po’ di farina.
Una volta formata la pasta, con una rondellina dentellata ricavate delle striscioline larghe circa due centimetri e lunghe sei centimetri. Intrecciatele o annodatele formando dei fiocchettini o altre forme e diponetele su una tovaglia.
Nel frattempo fate scaldare bene in una padella l’olio di semi o lo strutto e friggetevi poche alla volta le chiacchere. Scolatele ben dorate e appoggiatele su un foglio di carta assorbente da cucina per sgrassarle il più possibile.
Spolverizzatele abbondantemente con lo zucchero a velo.



Partecipo alla raccolta

di "Le ricette di carolina"

con molto piacere!
Share:

17 commenti

  1. ma tu sei prorpio una dipendent-matcha....;-)) vedi un po' se ti può interessare...ho appena postato una ricetta col matcha....intanto io provo anche questi galani esotici....ciao!!

    RispondiElimina
  2. Che belle così in vedre ed arrotolate in queto modo! molto molto originali!
    Ma la bimba vestita da topolino eri tu?? Davvero carinissima!!
    bacioni

    RispondiElimina
  3. Molto orignali le chiacchiere verdi: mi piacerebbe assaggiarle.
    Baci

    RispondiElimina
  4. Ciao!
    Grazie per aver partecipato alla mia raccolta! Provvedo subito ad inserirlo.
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  5. originale col verde queste chiacchiere , buoni!

    RispondiElimina
  6. Bellissime col matcha!!! Che bellino il tuo costume da Topolino, eri davvero un amore!

    RispondiElimina
  7. il matcha impazza su tutti i blog!
    W le frappe e carnevale

    RispondiElimina
  8. BUONISSIME!
    grazie per il passaggio da chez babs, è veramente un piacere.
    ciao
    babs

    RispondiElimina
  9. i cenci verdi propiziatori ai germogli in risveglio! brava carla!

    RispondiElimina
  10. ma dai le chiaccheire verdine...che idea carina, ma mai quanto te bimba bellissima! un bacione grande

    RispondiElimina
  11. Buoneeeeeeeeeeeee! Anch'io le ho fatte domenica e ho fatto anche i krapfen ripieni di crema pasticcera. Per me sono proprio il Carnevale che qui in Svezia mi manca un po'.
    Ciao.
    Orchidea
    ww.viaggiesapori.blogspot.com

    RispondiElimina
  12. ho fatto anche io le chicchiere, ma le tue mi sembrano meglio

    RispondiElimina
  13. che buone le tue chiacchiere...io prendo quelle al naturale:-) un bacio
    Annamaria

    RispondiElimina
  14. Che maestria! Sia versione classica sia versione 2009 ... ma la foto in bianco e nero ... conquistata Smack

    RispondiElimina
  15. Come al solito i tuoi post mi fanno innamorare........
    un bacione!

    RispondiElimina
  16. ma sei un portento!!! addirittura i cenci al matcha!!!! ti adoro!!!!!!! ^_^

    RispondiElimina
  17. Mamma mia che spettacolo! Non ho altre parole!!Brava.

    RispondiElimina

Template by pipdig