martedì 17 febbraio 2009

Madaleneis al tè Matcha!

E dopo il full immertion in informatica { mi sembrava di fare di nuovo l'esame di maturità :((( } sperando poi che abbia superato la prova ¿ Ø ☺ ¶ ¦ Ø [facciamo gli scongiuri!!!] sono di nuovo quà! e devo dire finalmente perchè mi mancava molto questo mio spazio creativo, come tutti voi, è sottinteso...
Un altro giro di madeleines, questa volta al tè Matcha :))) Per chi mi conosce bene può sembrar scontato aver fatto questi dolcetti perchè il Tè Matcha è diventato per me come il prezzemolo per altri, però può darsi che qualcuno non l'abbia provato in questa versione così eccole quà!Buonissime e tenerissime. Inzuppatele in una calda tazza di tè, vedrete che il pomeriggio prenderà un'altra piega:)))


 
Come diveva Proust qui "un delizioso piacere m’aveva invaso, isolato, senza nozione di causa. E subito, m’aveva reso indifferenti le vicessitudini, inoffensivi i rovesci, illusoria la brevità della vita, non mi sentivo più mediocre, contingente, mortale". Sante parole! Dopo la merenda mi ci vorrebbe anche un bel massaggio alle spalle, di quelli rilassanti e ayurvedici, beh non sarebbe mica male :-)
La ricetta è sempre la stessa che trovate qui , solo che dovete aggiungere due cucchiaini di Tè Matcha alla fine dell'impasto e vi troverte nel palato un dolce soffice, delicato, leggero che si mantiene bene per diversi giorni. Il tè è un classico tè verde giapponese, si chama SENCHA CHIRAN ed è ricco di vitamina C e antiossidante. Le foglie brillanti e larghe ci regalano una infusione profumata e delicata.
Proseguendo sulla via del tè vi metto una foto di una teiera a dir poco meravigliosa fatta dall'artista olandese Hella Jongerios per Nymphemburh [sede della famosissima manifattura di porcellane conosciuta in tutto il mondo]. Una teiera in ceramica davvero particolare e originale, dipinta a mano. Una teiera accartocciata...su se tessa...

Un'antica arte quella della ceramica che torna a nuova vita grazie ad artisti di altissimo talento e tecnologie d'avanguadia e con linguaggi contemporanei.
Che ne dite? Vi piace? Una bellezza sorprendente, sublime e provocatoria. Una fusione tra artigianato, arte e tecnologia. Artisti con idee fresche, nuove e poetiche! Se vi fosse però venuta la minima idea di acquistarla, beh tolglietevela dalla testa! Ha un costo stratosferico e inavvicinnabile :(((Le quattro stagioni - specchio, teiera, caraffa di vino e portacandele per simboleggiare la crescita, la maturazione, l'effimero e il rinnovamento.
Per fare questo lavoro Hella Jonjerius ha preso la testa e le facce delle stagioni Flora, Cerere, Bacco e Pomona e le ha combinate con elementi decorativi come il fiore applicato alla porcellana e la pittura stessa dei fiori.
Uno specchio per la primavera, una teiera per l'estate, l'autunno tempo di raccolto è rappresentato da una brocca di vino e l'inverno invece da una candela. Simboli che rappresentano le stagioni con il loro cambiamento, dallo specchio che è il riflesso della bellezza alla candela che con la sua fiocca luce simboleggia il lento morire. L'eterno ciclo della natura presa a rappresentare una metafora per il ciclo di vita.

Vi consiglio anche di guardare gli altri oggetti di porcellana creati da questi brillanti designers come questo, questo e questo.
La porcellana è musica "congelata"
La metafora è del grande filosofo tedesco Schopenhauer.


Questi invece sono dei Stickers dal sito: vinyluse ultime tendenze di moda nel campo del designer. Adesivi per dare un tocco diverso alla vostra casa. Facili da installare e da rimuovere su qualsiasi parete di casa e per qualsiasi ambiente. Un'alternativa alla classica carta da parati. Un nuovo modo, creativo ed innovativo per reinterpretare l’interior design.

Partecipo con questa ricetta



alla raccolta




lanciata da Fragole&Cioccolato


A presto Carla

Share:

21 commenti

  1. Deliziose queste madeleines!
    Un abbraccione.....

    RispondiElimina
  2. *simo: grazie simo :))) un grande abraccio anche a te!

    *elisabetta: grazie cara eli...ora arrivo da te...

    RispondiElimina
  3. ciao un salutone anche da me! devono essere buonissime!
    a presto
    Enrico

    RispondiElimina
  4. avranno sicuramente un sapore particolare ...molto originale, baci!

    RispondiElimina
  5. Mi mancavi, non c'è che dire....mi mancavano i tuoi post così ricchi di spunti, così delicati, sognanti....e le tue belle ricette, come queste splendide madeleines....Buona giornata, Carla! :-)

    RispondiElimina
  6. Sarà che amo visceralmente le madeleines, che in commercio non ne trovo di decenti e che non riesco nemmeno a trovare lo stampo per farmele da sola e sarà pure che il matcha regala a tutti i piatti un tocco in più, ma per me questa ricetta non è per niente scontata e se riesco a trovare la forma per madeleines sarà la prima che farò

    RispondiElimina
  7. davvero curiosissime al matcha!!!

    RispondiElimina
  8. Le maddalene al matcha le stavo comprando a Parigi, poi ho rinunciato quando ho visto il prezzo allucinante. Ora me le faccio in casa!!
    Ciao
    Alex

    RispondiElimina
  9. Bene sei tornata e bene con un bella ricetta e spunti di acquisti squisiti!! Bacio

    RispondiElimina
  10. Ben tornata!!!! E con questo post poi!! Mi piace molto, come sempre.... ^_^

    RispondiElimina
  11. Ma sono rimasta l'unica sfigata a cui non piaccia il matcha???
    In compenso le madeleines ti sono venute davvero perfette!

    RispondiElimina
  12. che belle queste madeleins....bentornata cara Carla..sono sicura che la tua prova sarà andata benissimo...e ora sei di nuovo qui...ne sono felice! tantissimi baci

    RispondiElimina
  13. I tuoi post sono sempre più richi di idee e note di approfondimenti.
    Deliziose le madeleines
    Baci

    RispondiElimina
  14. Carla, da te c'è un mondo fantastico che trabocca del senso del bello. Dalle Madeleines (quando la dolcezza incontra la poesia), alla teiera, raffinata nella sua estrosità. Mi è piaciuto molto anche il rimando a Proust. Proust, a chiunque ho detto che lo amo, la risposta di rimando è stata "Tu sei pazza!". Forse lo sono, ma io mi incanto davanti alle sue pagine. Così come mi incanto davanti alla bellezza, quella intrinseca e quella estrinseca.
    Carla, sei straordinaria!
    Baci da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  15. ben ritrovata....e belle foto di teiere...peccato che la banca non mi faccia il mutuo ^_____^
    Baci, e spero a presto....perchè ora rimani nei paraggi vero?

    RispondiElimina
  16. Deliziose le teiere e che ricettina molto ma molto originale, deve essere buonissima! Buona serata Laura

    RispondiElimina
  17. che adoro le madaleins gia' lo avevo detto...
    ma poi come facevi a sapere che mi incuriosisce tantissimo il matcha di cui vedo fare largo uso ultimamente tante bloggers?!?!?
    ho capito...sei un po' maga!
    complimenti per la ricetta! immagino siano davvero particolari queste madaleins...davvero una bella ricetta!

    RispondiElimina
  18. *lefrancbuveur: ciao enrico! si sono buonissime :)
    Un saluto anche da parte mia :-)

    *Mary: si un sapore tra il dolce e l'amaro ma molto tenue e delicato

    *Romy: carissima romy, sei sempre così gentile e carina che ti mando un mondo di baci:)

    *Alex: si falle e poi mi dirai quanto sono buone, se poi le accompagni con una buona tazza di tè il gioco è fatto! Un bacione

    *Paola: cioa paoletta, si ora son tornata tra voi tutti e ci sto veramente bene. Kiss for you

    *susina: grazie susina per i complimenti un bacio grande anche a te!

    *Virginia: ciao virginia, ma dai davvero non ti piace il Matcha? Allora non metterlo e vedrai che le madaleines sono buone lo stesso :) Comunque io ti consiglio di provarle perchè gli dà un tocco molto particolare :-)

    *Lo: cioa Lo, speriamo di averla superata la prova! Incrocio le dita! Ma era un macigno di prova altro che la patente europea...

    *lenny: grazie lenny per gli apprezzamenti dei miei post :)

    RispondiElimina
  19. *Sabrina&Luca: ehi ma sei troppo gentile! Non ho parole sabrina! Proust è stato e sarà sempre un grande scrittore...

    "Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso."
    da Il tempo ritrovato

    Baci

    RispondiElimina
  20. *astrofiammante: si si sono con voi!!!

    *L'antro dell'Alchimista: si laura devi farle sono deliziose ;)

    *chiara: ciao chiara, beh sai non siamo così lontane che ti guardo con il cannocchiale ehhehh....scherzo :-)

    RispondiElimina

Template by pipdig