sabato 30 maggio 2009

Biscotti al malto Fiore

Biscotti al malto Fiore per un mondo migliore di Laura Sandi Mondadori
...sfilammo lungo un corridoio rosato che sapeva di burro...la stanza era piacevolmente tiepida e biscottosamente ambrata. Deliziosamente ventilata e meravigliosamente fiorita...poi entrambi diedero un morso al biscotto perfettamente tondo e arancione che tenevano in mano, e sorrisero...i biscotti perfettamente tondi con tutto il vassoio, le scatole vuote con un gigantesco biscotto rotondo disegnato sul davanti disseminate ovunque...se un biscotto perfettamente rotondo non era una garanzia sufficiente per un mondo migliore, con che coraggio avrei mai potuto chiudere gli occhi?...un bambino di pochi mesi ha la memoria di un pesce rosso: quindici minuti e sotto acqua... per sei anni, infatti non ero certo vissuta in un'apnea cieca e silenziosa. E questo proprio grazie alla capacità del mio corpo di memorizzare, non di avere memoria, ciò che accadeva più di una volta soltanto. Anche un pesce rosso, a forza di dài e dài, alla fine la smette di andare a sbattere contro la parete di vetro e impara a fare le curve. Con le pinne invece che con la testa, ma lo fa...

A volte scelgo i libri da acquistare quando la trama mi piace e guardando appena la copertina, altre volte invece li compro perchè mi ha colpito molto la grafica o la foto della copertina e poco la trama finendo così che il libro non mi fà più di tanto. Questo è uno di quei libri dove subito mi è ha colpito sia la copertina che la trama. Un libro dove ci sono pagine che ti fanno sorridere ma altre che ti commuovono, ti mettono tristezza e solitudine per via di questa bambina che sino all'età di sei anni è vissuta in un mondo tutto suo. Oltre il cancello della suo giardino non c'era più niente, nè amicizie e nè bambini, nè palazzi e nè città, nè mare e nè monti, niente! Chiusa nella sua casa, nel suo giardino, nella sua serra, nei suoi corridoi, nelle sue stanze, con la tata, il padre, la madre, i fratelli gemelli, il giardiniere e un'amica della madre che la veniva a trovare ogni tanto. Ognuna delle quali vive il suo mondo singolarmente senza l' affetto e il calore di una famiglia unita. Quindi capirete come deve essere stata la sua vita quando ha iniziato la scuola e oltrepassato il cancello! Una storia molto particolare e abbastanza eccentrica con delle situazioni a volte comiche e a volte piene di solitudine. Un libro che ho letto tutto in un sorso, in un giorno appena, e che avrei voluto ancora leggere...
Vogliatemi bene, un bene piccolino
un bene da bambino
quale a me si conviene.
Noi siamo gente avvezza
alle piccole cose,
umili e silenziose,
ad una tenerezza
sfiorante e pur profonde
come il cielo, come l'onda
del mare.
Dammi ch'io baci
le tue mani care,
mia Butterfly!
Come t'han ben nomata
tenue farfalla...
Dicono ch'oltre mare
se cade in man dell'uom
ogni farfalla
da uno spillo
è trafitta
ed in tavola infitta!
Un po' di vero c'è: e tu lo sai perchè?
Perchè non fugga più.
Io t'ho ghermita...ti serro palpitante.
Sei mia.
Sì, per la vita.
Così ho sfornato questi biscotti il cui ricordo ha fatto risalire la protagonsta alla sua partecipazione, di quando era neonata, alla pubblicità dei biscotti appunto al malto della marca Fiore, ho cercato di immaginarmi come fossero, non saranno uguali a quelli che la scrittrice aveva in mente perchè manca la scritta obliqua e forse anche degli ingredienti ma il malto e il colore d'orato c'è! Trovare una ricetta che rappresentasse ciò non è stato facile anche perchè non ce ne sono e quasi quasi me la stavo inventando poi l'unica che ho trovato a riguardo è questa ma nè ho ridotto le dosi e cambiato qualcosina...la forma non è rotonda ma è quella di un fiore voluta da me per rappresentare la marca Fiore :)


Biscotti al malto di grano
160 gr di farina 00
80 gr di fecola
2 cucchiai di Dolce Neve
1/2 bustina di lievito
1 pizzico di sale
100 gr di zucchero di canna
60 gr di Burro morbido
2 uova
1 cucchiai di Malto di grano
2-3 cucchiai di latte
zucchero a velo q.b. per spolverare i biscottini

Mettere in una ciotola la farina, la fecola, il Dolce Neve, un pizzico di sale ed il lievito, mescolare e setacciare per bene. Lavorate lo zucchero con il burro ammorbidito fino ad ottenere una crema spumosa, aggiungete poi i tuorli e 1 cucchiaio bello pieno di malto di grano. Lavorare bene, sino ad ottenere un composto omogeneo. Aggiungere la farina e mescolare, aggiungere del latte se l’impasto risulterà troppo duro. Dovete ottenere un panetto come quello della pasta frolla. Avvolgere il tutto nella pellicola e mettere in frigo per almeno due ore.
Stendere l’impasto con il mattarello ad uno spessore di mezzo centimetro e tagliare dei biscotti con le formine. Disporre i biscotti sulla placca da forno ricoperta da carta da forno e spennellare con l'albume leggermente battuto al quale avrete aggiunto qualche goccia di limone e spolverare con dello zucchero a velo. Infornare a 180° per circa 10/15minuti.
un piccolo dono di papavero in papavero

...e con questa ricetta partecipo letteralmente alla raccolta "Ricette, viste e mangiate"di Paola del blog Mani in pasta...nella sezione naturalmente "ricette tratte dai libri".




Auguro a tutti un buon fine settimana!
Share:

24 commenti

  1. Carla...ogni tuo post è una gioia per me...riesci ad evocare sensazioni, profumi, colori...mi hai invogliato a comperare il libro...a riascoltare Puccini...a fare i tuoi meravigliosi biscotti, coccola perfetta e perfetta, dolce evasione...Bellissime anche le foto...Non conoscevo, poi, la raccolta! Ti auguro un buon fine settimana....sei riuscita a mettermi di buon umore in un momento in cui vedevo tutto nero....Grazie! Baci :-D

    RispondiElimina
  2. *antonietta: grazie!

    *romy: ma grazie romy dolcissima, son felice che il mio post ti abbia messo un po' di gioia :-) ti mando un abbraccio affettuoso insieme ai questi fior fiori di biscotti coccolosi...
    Speriamo che non piova! Qui ieri sera sembrava fosse ritornato l'inverno...oggi già si sta bene...quell'aria pura e leggermente soleggiata...
    Baci carissima

    RispondiElimina
  3. cara Carla sono sempre incantata...te lo dico sempre vero? ma tu hai questo potere! un bacione

    RispondiElimina
  4. Carla, questi sono proprio da segnare.. così potrò finalmente sfoggiare il malto, che ho preso ma ancora non utilizzato! ;)
    E poi io approvo sempre moltissimo le associazioni cibo/culture.. letteratura, musica.. e quant'altro!
    Grassssie ^.^

    RispondiElimina
  5. complimenti per la ricetta è da provare e il post magnifiche le foto

    RispondiElimina
  6. ma quel micino che compare qua e là? :)

    RispondiElimina
  7. E' sempre un tale piacere leggere i tuoi post!

    RispondiElimina
  8. Ciao! grazie di aver partecipato!
    Sapevo che avresti scovato qualcosa di molto particolare!!
    spero di riuscire a pubblicare un post di riepilogo in giornata per ringraziarvi tutti :-)

    a presto!

    RispondiElimina
  9. Leggo sempre con piacere i tuoi post, questo poi è un invito alla lettura del libro.
    Hai visto i nostri tulipani si somigliano! Ciao e buona settimana

    RispondiElimina
  10. Correggo: volevo dire papaveri

    RispondiElimina
  11. Anche io il libro l'ho divorato... uno stile affascinante e pieno di ritmo. Ti consiglio un romanzo dal titolo "Lovebook" davvero piacevole
    Gioia

    RispondiElimina
  12. carla carissima! eccomi! grazie del dono! e soprattutto grazie del tuo pensarmi alla vista dei papaveri! segno di affetto che mi onora!
    a presto! riporto da un viaggio tante e tante luminosità-papaveri!

    RispondiElimina
  13. Mi sono persa sognante tra le tue righe! Buona giornata Laura

    RispondiElimina
  14. ciao, biscotti e libri ...sono una bella accoppiata, se poi sono così ben descritti allora diventano anche una coccola, bacio!

    RispondiElimina
  15. Mi hai fatto venire i brividi, questa storia dev'essere di una bellezza strana e sognante... Sto raccogliendo un sacco di consigli letterari intriganti, oggi... ma la reinterpretazione che hai dato dei biscotti al malto Fiore è altrettanto seducente...

    RispondiElimina
  16. Il tuo blog ha attirato la nostra attenzione per la qualita delle sue ricette.
    Saremmo felici se lo registrassi su Ptitchef.com in modo da poterlo indicizzare.

    Ptitchef e un sito che fa riferimento ai migliori siti di cucina del
    Web. Centinaia di blog sono gia iscritti ed utilizzano Ptitchef per
    farsi conoscere.

    Per effettuare l'iscrizione su Ptitchef, bisogna andare su
    http://it.petitchef.com/?obj=front&action=site_ajout_form oppure su
    http://it.petitchef.com e cliccare su "Inserisci il tuo blog - sito"
    nella barra in alto.

    Ti inviamo i nostri migliori saluti

    Vincent
    Petitchef.com

    RispondiElimina
  17. post perfettamente in sintonia col nome del tuo blog, Carla! ;-)
    ma questo "dolceneve" cos'è?

    RispondiElimina
  18. *vincent: grazie dell'invito e per i complimenti :)

    *cobrizo: ciao cobrizo...dolceneve della paneangeli è un tipo di panna in polvere, di origine vegetale ideale per essere mescolata ad una crema...a volte si monta con del latte, in questo caso no...spero si essere stata chiara :-)

    RispondiElimina
  19. I complimenti che ti ha fatto l'autrice del libro sono meritatissimi!! Che bella soddisfazione deve essere!

    A presto!

    RispondiElimina
  20. Ottimo blog! Complimenti! Ricette speciali!

    http://www.ricette-dolci-ricette.com
    http://www.le-ricette.it

    RispondiElimina
  21. Buonissimi! Grazie per la ricetta:-)
    Tanti saluti dal merano, Valentina

    RispondiElimina

Template by pipdig