giovedì 18 giugno 2009

Orto Antico

Ora posso dire che anche dalle mie parti esiste un posto magico e meraviglioso, non sto più a mangiarmi le dita della mano o a sgranare gli occhi in modo stupito e anche un po' invidioso guardando le foto delle mie colleghe foodblogger sparse nel mondo che mi espongono ortaggi, frutta e fiori di ogni specie e di ogni colore, ora posso dire che anche qui e non molto lontano da dove abito io ci sono: peperoni neri, gialli e a campana, carote porpora, pomodori tigrati, melanzane lunghe oltre 50 cm, patate, piselli e fave blu, tuberi mai visti dal sapore prelibato, meloni a forma di banana, angurie a polpa gialla, zucchine bianche, misteriosi frutti profumati, mele che sembrano pere, meloni a forma di banana ecc…Dove tutto questo? All’Orto Antico! Un posto splendido situato sulle colline marchigiane, con campi coltivati, serre, filari alberati, colori, profumi, cultura vegetale, informazione, competenza tecnica e molta cortesia e gentilezza, ma soprattutto una banca della natura! Un patrimonio genetico da conservare e da salvaguardare.


Si parla di biodiversità cioè la differenza genetica tra le varie specie che all’interno delle specie stesse, tesoro questo che nessuno deve sperperare! Quindi ha come finalità il recupero e la conservazione delle specie e delle varietà di piante alimentari locali e di quelle del resto del mondo. Si trova presso la Cooperativa Sociale “gli Amici delle Cerque” che oltre ad essere il braccio operativo del progetto è una onlus impegnata nell’inserimento lavorativo di ragazzi svantaggiati, il cui Presidente è Andrea Barchiesi, con il patrocino dell’Associazione A.R.C.O.P.A. (Associazione Ricerca Conservazione Piante Alimentari) che invia semi di ogni specie anche molto particolari per gli scambi del settore e le ricerche faticose di Eduardo Lo Giudice che rappresenta il motore dell’iniziativa. Un altro valido aiuto è dato anche da Walter Asci che è collaboratore per la Biologia vegetale ed anche apicoltore. Perché Orto Antico? Perché chi coltivava, faceva secoli fa, senza saperlo una selezione naturale in determinati contesti agro-chimici; la combinazione con una naturale bioresistenza a determinati agenti climatici o parassiti ha reso possibile la fissazione di un patrimonio genetico costante e trasmissibile che ora può essere usato per disporre di soggetti resistenti ad ogni tipo di condizione climatico-culturale. Il passato che può salvare il nostro futuro. Si conserva la natura per le attuali e future generazioni. Iniziativa partita da febbraio 2008 e che sta dando buoni risultati sia pure con molti sacrifici.
Le varietà al momento recuperate nel territorio marchigiano sono:



Pomodoro invernale di Monte San Vito, una volta si appendeva in cantina e fino a febbraio/marzo lo si poteva consumare,anche cuocendolo arrosto


Pisello Lello, recuperato a Pergola, caratteristica del pisello è che rimane compatto, i grani sono sferici e pieni, è una varietà rampicante

Pomodoro pendolino di Senigallia


Cece piccolo, cicerchia, roveja


Fagiolo cenerino dei Sibillini



Eduado Lo Giudice ha cercato di far partecipe di questo progetto anche i bambini delle scuole con delle uscite sul territorio in modo da far fare a loro delle esperienze che li aiuti a farsi costrutori di un mondo dove il futuro sarà una responsabilità di chi vive il presente, di curarsi dell'ambiente senza un interesse materiale ma solo per un intenzione educativa, insegnandogli a seminare e a piantare alcune varietà orticole e a seguirle durante la loro crescita.
All’Orto antico si affiancherà fra non molto anche “Bosco antico” che consiste nella messa in opera di centinaia di piantine di Quercus robur di varia età al fine di ottenere un piccolo angolo di foresta a ricordo del grande bosco estinto detto “della Castagnola” - antico nome della quercia in Vallesina.
All’interno del progetto ci saranno anche altre interessanti proposte come:
Frutteto antico
Vigneti coltivati come si faceva in epoca antica
Oliveto antico
Giardino sensoriale per i malati di Altzheimer
Laboratorio didattico di lavorazione e trasformazione artigianale di prodotti agricoli
Serra auto-alimentata con fotovoltaico ed isolamento naturale a produzione positiva di corrente elettrica
Struttura coperta per didattica e divulgazione della cultura agricola, della storia locale per lo studio delle variazioni climatiche in base agli ecosistemi vegetali ed alla loro evoluzione nei secoli
Allevamento delle api per l’impollinazione delle colture orticole recuperate e per l’ottenimento di prodotti apistici (miele, polline, papa reale, propoli, cera d’api)
Quindi la Cooperativa “Amici delle Cerque” vorrebbe portare avanti non solo la coltivazione di piante con lo scambio dei semi e prodotti ma anche una proposta culturale completa che possa arricchire scientificamente chi vi si avvicina.

La bellezza di questo posto vale la pena di una visita, quindi se amate la natura e quest’estate passate dalle mie parti uscite al casello autostradale di Ancona Nord, al semaforo girate a sinistra e prendete per Castelferretti, imboccate la strada per il Cassero-Agugliano e dopo circa 1 km mentre comincerete a salire su per le colline e vedete sulla sinistra un cartello rosso con scritto “Gli Amici delle Cerque” appoggiato ad un albero accanto ad una stradina bianca, ecco prendetela e andate mi raccomando piano piano, sino alla fine della stradina, possono esserci dei bambini e se osservate bene la zona vi potrebbe anche capitare di vedere animali come il falco, il fagiano, l'istrice e l’upupa.

To be continued…Orto Antico – Gli Amici delle Cerque
Via Castelferretti, 37 Camerata Picena – Ancona
Tel/fax 071 7450964

e-mail: ortoantico@arcopa.it
Share:

32 commenti

  1. Iniziativa meravigliosa: non ho che un balconcino per cui non potrei coltivare nulla (nè di antico nè.. d'altro tipo!), ma questo tipo di posti mi ha sempre incuriosito tantissimo! Belle immagini, grazie!
    P.S. Se ne hai voglia passa da me c'è un gioco da condividere con te!

    RispondiElimina
  2. ma è splendido cara Carla...un posto magnifico, importante...con uno scopo essenziale per tentare di voler bene alla terra...grazie! un bacio

    RispondiElimina
  3. E' davvero un posto magico! Magari ce ne fossero di più di posti così sparsi per l' Italia...per ora io mi sono limitata a creare un piccolo orto sul terrazzo...vale lo stesso? :)
    P.S. Mi sono accorta or ora di non averti ancora inserita nel mio blogroll (se si chiama così), ma ho appena rimediato...imperdonabile leggerezza... :D

    Nadia - Alte Forchette -

    RispondiElimina
  4. gran bel post peccato che sono lontano, mase sono nei paraggi lo vengo a vedere, la natura è molto più ricca di quello che si immagina

    RispondiElimina
  5. Interessante iniziativa... e bellissima la varietà di ortaggi a cui questo progetto garantisce la conservazione! Che fortuna avere un tale paradiso a due passi da te!!!

    RispondiElimina
  6. Ciao Carla,
    ho scoperto oggi il tuo blog e mi piace un sacco. Bello, tanti spunti interessanti, insomma da seguire. L'iniziativa di cui parli in questo post mi fa entusiasmare, questo è l'unico futuro possibile e bisogna condividere questa consapevolezza con gli altri perchè possa crescere e darci una speranza vera. A presto

    RispondiElimina
  7. Ah, dimenticavo, ma i signori dell'Orto Antico vendono anche i loro prodotti ? Mi interessano i fagioli cinerini dei Sibillini, per il nostro shop on line quindi se fanno delle confezioni potrei mettermi in contatto con loro. anzi, facciamo che li chiamo direttamente, giustamente, per non farti perdere tempo...ancora un abbraccio

    RispondiElimina
  8. *barbara: buongiorno barbara! grazie per i complimenti :) coltivare no ma puoi tenere delle erbe aromatiche nei vasi come io faccio almeno le ho fresche e in più mi profumano pure il piccolo giardino che ho :)e ho già visto il premio, grazie mille per avermi pensato!

    *Lo: ciao Lo! si è prorpio un bel progetto che spero duri a lungo, se teniamo cura della natura poi Lei ci ricompenserà...come del resto tutto!

    *Nadia: ciao nadia carissima! son contenta che sei ritornata tra di noi! Mi mancavi :-)
    Ma certo che puoi, io lo faccio e ogni anno metto sempre un vaso in più di erbe aromatiche e pens ache una volta ho messo anche deipeperoni e dei pomodori ed eranobuoni nè!

    RispondiElimina
  9. *gunther: ciao gunther, sì è vero quello che dici, non si finisce mai di imparare dalla natura...se capiti di quà fammi sapere :-)

    *Marilì di Gusto Shop: Ciao marilì, ben arrivata allora nel mio blog e grazie per i complimenti!
    Esatto il futuro è questo se vogliamo perseverarlo dalle intemperie e dai cataclismi che l'uomo provoca!
    Per i prodotti alcuni li vendono altri no ma puoi chiedere direttamente a loro che sanno darti delle spiegazioni esatte :-)

    RispondiElimina
  10. *onde99: ciao onde...si finalmente anche dalle mie parti si comincia a vedere cose che altrimenti le vedevo con il cannocchiale! E ora che è qui, proprio vicino a me sono spesso tra di loro a fotografare ed ammirare il loro lavoro :)a presto

    RispondiElimina
  11. Bellissimo....che luogo incantato! Stimola i sensi, la fantasia...come non gioire con gli occhi, col tatto, con l'olfatto, di fronte a tali meraviglie della natura? Sembra di essere in un sogno...grazie mille per questo bel post....Baci :-D

    RispondiElimina
  12. Ma che meraviglia!!! Peccato essere così lontano! Buona serata Laura

    RispondiElimina
  13. Bellissimo...anche da noi esiste e devo trovare il tempo di andarci proprio con i bimbi che me lo domandano spesso, andare a raccogliere fragole e frutti di ogni genere e verdure, direttamente é meraviglioso...aspetto il sole che per il momento manca...purtroppo quasi sempre i fine settimana.
    Sono delle iniziative splendide e costrutittive che crescono per frtuna sempre di più.
    Baci Carla e buon fine settimana!

    RispondiElimina
  14. Che bel reportage e iniziativa, dà veramente voglia di venire a curiosare!

    RispondiElimina
  15. Bè, adesso siamo noi a sgranare gli occhi! è davvero un posto molto bello e si può trovare di tutto!!!
    bellisisma l'idea di coinvolgere i bambini....
    un bacione e buon weekend

    RispondiElimina
  16. di sicuro un giretto ce lo faro' , mi interessa molto e poi nell'orto di casa mia (ops di mia mamma) ci sono alcune varietà di quelle che sembrano armai perdute, proprio a pochi km da lì.

    Grazie.

    RispondiElimina
  17. *romy: ciao romy, grazie per i complimenti ma il posto è veramente bello per chi ama la natura e l'ambiente :-) Sembra di essere tornati indietro di trenta anni quando tutto era più semplice e naturale, un'atmosfera di familiarità accompagnata da veri profumi e sapori antichi...

    *Laura: ciao! ma se dovessi passare da queste parti non rinunciare ehheh anzi chiamami!

    *mariluna: hai ragione mariluna e speriamo che diventano sempre più frequenti questi posti...ti mando un abbraccio...in quanto al sole anche qui nei fine settimana se ne va via e non ti dico oggi...il tempo si sta preparando per un bel temporale! Baci

    RispondiElimina
  18. *dada: ciao dada! si è proprio così! Pensa che ioche ci sto vicino vorrei andarci tutti i giorni! e poi coloro che gestino il posto sono molto bravi :)

    *manu e silvia: un bacione anche a voi! WE molto brutto da noi, sta arrivando un temporale...alla accia che domani arriva l'estate! Baci

    *blunotte: davvero! allora vai e porta con te i semini ;))))Baci

    RispondiElimina
  19. Adoro gli orti in generale, ma questo è veramente un parco divertimenti! Notevole anche il coinvolgimento dei bambini :-) Grazie per la segnalazione! Buon WE

    RispondiElimina
  20. certo per chi è vicino è bello andarlo a visitare, ma anche per chi è lontano è comunque interessante sapere che esistono queste realtà, ciaooo!

    RispondiElimina
  21. *twostella: ciao elena, si interessante il fatto di coinvolgere i bambini in questo progetto...è molto importante questo aspetto...se si cerca di far capire loro che rispettare e conoscere bene la natura e l'ambiente è fondamentale per una sana salute e per vivere meglio credo che avremo un mondo migliore :)

    *astofiammante: ciao astro! giustissimo :)))

    RispondiElimina
  22. fantastico posto l'orto, oggi se riesciuamo andiamo anche noi, fratello di Roccoeisuoifornelli. Questo é davvero meraviglioso
    ciao buona giornata

    RispondiElimina
  23. ma che bel progetto! brava che l'hai scovato :-)

    RispondiElimina
  24. l'amore per la terra è quello più importante. Quello che ci salverà da tutto!
    Brava Carla :-)))

    RispondiElimina
  25. ora sono io a dire: che invidia! ;-)

    RispondiElimina
  26. Ma è meraviglioso! Questo orto antico è una risorsa preziosa. Grazie per avere condiviso questa tua scoperta

    RispondiElimina
  27. Vista la scarsa diffusione di queste "oasi verdi", sembrerebbe un esperimento-pilota e spero tanto che ne decollino molti altri in tutta Italia :))

    RispondiElimina
  28. Sto via per un po' e guarda che mi perdo!!!! Come al solito, oltre alle ricette, nel tuo blog si sosta per pensare. Foto bellissime e un progetto intelligente da far conoscere. Grazie Carla

    RispondiElimina
  29. *fiammetta
    *il_cercatore
    *sandra
    *cobrizoperla
    *comidademama
    *lenny
    *lacquaodorosa: grazie a voi tutti! E'un piacere condividere progetti interessanti e speriamo che ne sorgano altri come dice anche lenny :)

    *ParisBreakfast: benvenuta nel mio blog! Il tuo lo trovo meraviglioso :-)

    RispondiElimina
  30. che meraviglia di prodotti! e quanta cura quanta attenzione affinché possiamo stupirci con tanti bei oh

    RispondiElimina
  31. *papavero: thanks!!! O_O ;)

    RispondiElimina

Template by pipdig