venerdì 28 agosto 2009

Giallo, rosso e verdone...


...e giallo ocra, giallo pastello, giallo chiaro, giallo limone, rosso vivo, rosso pompeiano, rosso veneziano, verde chiaro, verde scuro, verde trigato, verde smeraldo, verde primavera e insomma una bella tavolozza di colori mi son portata a casa! Un bel bottino tutto da mangiare e da degustare! Dove tutto questo? All'Orto Antico! eh sì l'altro giorno ero su FB e tra una parola e l'altra Eduardo mi ha riferito che nel pomeriggio avrebbero fatto la raccolta dei pomodori per la conservazione del seme e appena ho captato ciò (non me lo sono fatta ripetere due volte) di corsa ho preso la macchina sia quella a quattro ruote che quella fotografica per recarmi all'Orto Antico cercando di capire e conoscere questa procedura molto interessante e antica (degli agricoltori del passato) che purtroppo si è perduta nel tempo!

Appena giunta sul campo un tripudio di colori e sapori mi sono arrivati agli occhi e al naso e più mi avvicinavo alle piante di pomodori e più questi profumi diventavano intensi facendomi ricordare a quando piccola andavo con mia madre a pendere i pomodori e le altre verdure dal contadiuno vicino casa. E quanto mi piaceva staccarli dalle piante e mangiarli così crudi e puri! E così ho fatto anche qui, una pulitina sulla maglietta e vai, in bocca come una volta...che sapore vero di pomodoro...e che odore...che bellezza! Nel frattempo che mangiavo e fotografavo Eduardo mi ha spiegato come si fa a conservare il seme di pomodoro.
Premessa: intorno ai semi di pomodoro c'è una gelatina contenente un inibitore della germinazione, non consente cioè al seme di germogliare anche se maturo e con il caldo estivo. In natura, i semi cadono per terra e questa gelatina viene fermentata dai funghi e batteri nella terra durante l’inverno, ed il seme è pronto per germinare in primavera. Per avere una buona germinazione bisogna far fermentare i semi per togliere questa gelatina prima di seccare i semi. La fermentazione, inoltre, elimina molte delle malattie del pomodoro trasmesse attraverso i semi e ogni traccia di polpa e gelatina.

Procedura per la conservazione del seme: si individua due o tre pomodori belli, sani e della prima fioritura, quindi sul livello più basso della pianta e ben maturi. Si taglia di traverso il pomodoro scelto e si fa uscire fuori la polpa con un coltellino o cucchiaino. Si estraggono i semi assieme al corpo gelatinoso che li contiene mettendoli in barattoli ben puliti con una etichetta autoadesiva portante il nome della varietà del pomodoro. Si conserva in ambiente fresco e all'ombra per circa 3 o 4 giorni sino a che non si crea una patina bianca in superficie formata da un fungo.

Arrivato a questo punto si può togliere la patina e gettarla, si riempe il bicchiere di acqua, si agita un po’ con un cucchiaino per aiutare la separazione ottenendo così che i semi buoni e più pesanti, andranno a fondo, lasciando a galla la polpa fermentata e i semi vuoti. Facendo travasare l’acqua dal bicchiere si eliminano le parti leggere che galleggiano. Si riempie e si travasa fino a quando l’acqua non rimane limpida e i semi puliti. Si cola l'acqua e i semi in un passino e si sciacqua definitivamente. Scolare, posare i semi umidi su un oggetto di ceramica o vetro, stenderli e lasciarli ad asciugare senza esporli al sole.


Una volta ben asciutti si conservano germinativi per cinque anni. Riducendo la loro umidità grazie al gel di silice è possibile riporli in congelatore a –20 °C e si manterranno vitali fino a 10 anni.



Ora avete qualche consiglio su come conservare tutti questi pomodori e metterli nella dispensa per poi gustarli nel resto dell'anno con formaggi vari o semplicemente con del pane abbrustolito? Farne della buona e rassicurante marmellata per farcire una crostata o della conserva sott'olio da servire come antipasto? Che ne dite? Avete delle ricette in proposito? Si accettano consigli di vario tipo :-)

Bye Carla
Share:

12 commenti

  1. che meraviglia!sono andata sul sito ma non ho capito dov'è questo orto antico, mi aiuti?grazie!!

    RispondiElimina
  2. Ciao Monique!Ma certo :-)

    Si trova qui

    A presto

    RispondiElimina
  3. mirabile cesto come una tavolozza di colori e i profumi mi par di sentirli!

    RispondiElimina
  4. Non conosco questo metodo di conservazione dei semi, della fermentazione ecc. io ho adottato quello semplice di mia mamma che dopo aver tagliato il pomodoro ed estratto i semi si sciacquano velocemente in un colino e si mettono a seccare al sole. Adesso proverò questo nuovo modo che hai così bene illustrato.

    RispondiElimina
  5. bellissimo post,mi piace sempre tantissimo leggerti ;)

    RispondiElimina
  6. Ma guarda quante qualità di pomodoro!!! che fortunata che sei!!! Io invece ho saccheggiato il campetto di un mio amico portandogli via una quantità illimitata di melanzane!!! ^^

    RispondiElimina
  7. ma sei davvero meravigliosa...foto istruzioni per conservare i semi....il ricordo dell'antico orto....che bello! come stai bella gioia? un grande abbraccio

    RispondiElimina
  8. bellissimi questi colori e anche il loro sapore, quello giallo qui lo chiamano tomate ananas ed é delizioso...grazie per i consigli, come sempre e poi quest'orto antico quanto mi piace!
    Un bacio!

    RispondiElimina
  9. *papavero: una tavolozza di colori con tutte le sue sfumature e varianti :-) sapessi che sapore...

    *giardinofiorito: si poi mi dirai :)

    *mirtilla: ciao mirtilla che carina che sei...smack mil smack!

    RispondiElimina
  10. *susina strega del tè: enon soo pomodori...ci sono tante altri ortagi che ho fotografato e he se avrò tempo vi farò vedere :-)

    *Lo: ben tornata cara Lo! ...il solito tram tram quotidiano...ma bene grazie. Un abbraccio anche a te :)))))

    *mariluna:anche a me piace molto quell'orto...è come ritornare bambini con la gioia di scoprire sempre nuovi tesori :) Un bacio

    RispondiElimina
  11. Ma graaaaaaaaaande Carla! ;) Il post più utile della storia, sfruttato oggi!!! Perchè lo soorso Natale ho comprato una decina di bustine di semi di pomodori di millemila colori e adesso volevo riuscire a conservarli dai pomodori maturi per risparmiare e magari l'anno prossimo prenderne di altri tipi ancora..ma non sapevo come! Beh, oggi seguito la procedura che hai spiegato, adesso sono già in garage a fermentare.. ^.^ grrrrrassssie!

    RispondiElimina
  12. *VanigliAli: Ma i niente e benvenuta anzi nel mio blog!!!

    Graditissimi i tuoi apprezzamenti sulla conservazione del seme di pomodoro.

    Spero che il prossimo anno avrai nel tuo orticello un super raccolto :-)

    RispondiElimina

Template by pipdig