martedì 24 novembre 2009

Pane a cassetta

Pane a cassetta














Ed eccomi alle prese col mio primo pane a cassetta. Devo dire che appena ho visto la foto e letto la ricetta sulla Cucina del Corriere della sera del mese di novembre mi son detta: cavolo! E' facile! Quindi da provare subitissimo, anche perchè non ho mai fatto il pane in casa, non perchè sia difficile, ma in quanto lo vorrei  fare con il lievio madre, dato che la maggior parte delle persone mi dice che fatto con il lievito madre risulta più soffice e morbidoso...e Lucia, la mamma di un amico di mio figlio, la sta preparando e rinfrescando, solo che ci vuole un po' di tempo (circa due mesi!)...e appena sarà pronto sperimenteremo a due o a quattro mani, qualche bella ricetta come quella che ha postato qualche giorno  fa Babs o Comida molto ma molto tempo fa e altre food blogger che adesso a ricordarle tutte mi ci vorebbe  un mese di ricerche :-) Insomma mi piacerebbe sperimentare le ricette di Jim Lahey panettiere e proprietario della Sulivan Street a Manhattan rendendo la panificazione molto semplice da fare...poi vedremo. Allora ritornando a noi eccovi la ricetta di questo pane a cassetta, al profumo di rosmarino, farcito con delle olive nere e formaggio. Molto invitante e adatto sia per una bella colazione con della marmellata fatta in casa, sia per la merenda accompagnata con dei salumi o semplicemente così al naturale dato che è abbastanza ricco da solo!

Pane a cassetta





















Pane a cassetta con olive e formaggio

• 330gr di farina
• 60 gr di caprino (60 gr di primo sale in quanto non ho trovato il caprino)
• 40 gr di olive nere snocciolate
• 15 gr di lievito di birra
• 1 rametto di rosmarino o anche due e tre
• Zucchero
• 5 cucchiai di latte
• Olio di oliva
• sale

Pane a cassetta
Prendere dei rametti di rosmarino e tagliare gli aghi in maniera sottile, tagliare il formaggio primo sale in piccoli pezzetti e così anche le olive nere. Mettere in una ciotola  300 gr di farina, 5 cucchiai di latte, una presa di zucchero, il lievito fatto sciogliere in 1 dl di acqua tiepida. Aggiungere il primo sale, le olive nere, 2 cucchiai di olio e.v.o. e alla fine 6 gr di sale (un cucchiaino). Impastare prima con una forchetta o con un cucchiaio e alla fine con le mani. Lasciare riposare l'impasto per 20/30 minuti. Poi lavorarlo con le mani sulla spianatoia dove avrete messo la restante farina (30 gr). Prendete uno stampo da plumcake ricopritelo con carta da forno dove io ho aggiunto delle piccole gocce d'olio d'oliva e lasciatelo lievitare per circa 1 ora o sino a che non vedrete che avrà colmato bene lo stampo. Infornare a 220° per circa 40 minuti.

Sentirete che profumino di pane caldo appena sformato che ci sarà nella vostra cucina!

Ora vi voglio segnalare un evento che si terrà a Jesi dal 26 al 29 novembre, quindi dopodomani iniziano le danze! Si tratta (come vedete anche dalla locandina) del Teatro dei profumi e dei sapori con la partecipazione di Ital.Cook -Slow Food- Assi Vip – Associazione Italiana Sommelier, Fondazione Pergolesi Spontini, Cose di tè, O.L.E.A. e Orto Antico con il suo ideatore Eduardo Lo Giudice, lo chef Matteo Renato ed io insieme ad altri volontari. Un luogo dei sensi dove originalità e creatività sono state attivate per la presentazione dei prodotti di qualità del territorio della Vallesina, un viaggio raccontato attraverso i cinque sensi: tatto, vista, gusto, olfatto e udito. Alla scoperta dei sapori dei prodotti tipici con degustazioni di vino, olio e tè per scoprire le ricchezze che conserva la produzione enogastronomica e alimentare dei Castelli di Jesi.
Teattro dei profumi _JesiOrto Antico parteciperà con un’analisi sensoriale delle piante aromatiche e degli ortaggi.

l’orto del tatto: con l'erba gatta, l'erba cipollina ecc. Caratterizzato dalla presenza di piante che presentano diverse tipologie di cortecce, fogliame e frutti, le cui differenze sono percepibili al tatto;
l’orto dei colori: dove la tavolozza dei colori offerta dalle specie vegetali crea una zona di intensi contrasti cromatici, con colori forti, tenui ecc;
l’orto delle fraganze: per un’esplorazione olfattiva per riconoscere gli arbusti o le erbacee odorose (rosmarino, timo, salvia, origano, lavanda, menta, melissa santoreggia, santolina, ruta ecc).
Orto Antico sarà presente con il suo intento di recuperare le varietà locali, non solo marchigiane, ma anche quelle Europee!  Non il solito Orto con i suoi trasformati, la cucina, la cultura e la didattica che si è evoluta nel tempo!

...e in più Giovedì dopo  l'inaugurazione ci sarà una conferenza/ spettacolo di Davide Riondino, degustazioni varie e animazioni teatrali e il tutto gratuito!

Quindi se siete nei dintorni di Jesi non mancate! Potremmo conoscerci di persona e parlare, scambiare opinioni con un buon bicchiere di vino in una mano o di tè e nell'altra qualche stuzzicchino offerto dalla scuola di cucina Ital.Cook.

Piccolo aggiornameno: io con gli amici di Orto Antico siamo al Palazzo della Signoria in via Pergolesi. Dal teatro Pergolesi che si trova in Piazza della Repubblica prendete la via Pergolesi e andate avanto sino a che non trovate il Palazzo della Signoria sulla destra :-)

Per altre informazioni andate qui.

Share:

16 commenti

  1. Ciao! ma che buono questo pane! il caprino non l'abbiamo mai provato...e con le olive ed il rosmarino ci sembra proprio una spelndida idea!!
    bacioni

    RispondiElimina
  2. sono invitata vero per un pane e salame???? vero carla che mi vuoi così bene da farmelo assaggiare? vero? vero? vero?????? :-D ragazza mia, già in questi giorni ho una fame (ormonale) da paura, se poi mi fai queste foto.......

    RispondiElimina
  3. Intriganti gli ingredienti...e mi sembra ti sia venuto una favola!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Beh, direi che anche senza pasta madre questo pane ha un aspetto divino, gli ingredienti sono davvero ghiotti!

    RispondiElimina
  5. il pane appena sfornato è un deliro!

    RispondiElimina
  6. che bello...che buono...il profumo di rosamrino lo rende unico...mi piace anzi ci piac eil pane a cassettaa...è quello che si fa più spesso al formaggio..m abanale banale non così bello come il tuo :)

    RispondiElimina
  7. Eccomi! in questi giorni frenetici non riesco a rispondere ad uno ad uno e nemmeno a leggere i vostri post ma poi con calma passerò...nel frattempo ringrazio tutti quelli che hanno lasciato un commento :-)

    Il pane a cassetta era molto buono! Provatelo perchè si fa in un attimo...beh proprio un attimo no ma mentre lievita potete fare altre cosucce :-)

    Baci a tutti

    Io vi aspetto a Jesi! Dai su le food blogger marchigiane più vicine possono venire coìci conosciamo di persona ;-)

    RispondiElimina
  8. sabato pomeriggio dove ti trovo???

    RispondiElimina
  9. *antonietta: sai dove si trova il Teatro Pergolesi? Si giusto? prendi la via pergolesi, vai sempre dritto sino a che non trovi il Palazzo della Signoria sulla destra...ecco siamo lì :-) non andare più avanti...entra e voilà!

    RispondiElimina
  10. Caprino?!
    ohhh buono questo pane!!!!

    grazie carla del commento di benvenuto!
    Elisabetta è una amica davvero unica e cara!

    bello davvero il tuo blog! ti seguirò anche io!

    RispondiElimina
  11. *Terry: benvenuta anche sul mio blog :-)

    RispondiElimina
  12. Ottimo, con quel salame poi !!
    Brava. Buona settimana :-)

    RispondiElimina
  13. è stato uno dei primi pani che ho provato a fare anni fa e dà sempre soddisfazione!

    RispondiElimina
  14. Bella ricetta. La rivista del Corriere della Sera non è male, devo dire.
    ciao
    Enrico

    RispondiElimina
  15. Sembra di sentire il profumo...
    Ciao! Ho trovato il tuo indirizzo e mi sono incuriosita moltissimo! Ho fatto bene a visitare il tuo blog :)
    A presto.
    Meri

    RispondiElimina

Template by pipdig