martedì 16 ottobre 2012

la zucca arrangata !

 
Prendo fiato e mi immergo nella scrittura. sono arrivata di corsa a questo giorno ma ce l’ho fatta! non potevo non partecipare all’interessante e lodevole contest che Virginia insieme a ProgettoMondoMla ha indetto per assicurare la giusta alimentazione ai bimbi e alle loro mamme nei paesi dove ancora purtroppo c’è la fame! basta regalare una ricetta (che abbia come protagonista il pane) al fine di creare  un calendario e un libro per  raccoglierne i fondi. il pane è il protagonista assoluto di questa giornata. l'alimento che sulla mia tavola e non credo solo sulla mia, non manca mai anzi da quando ho il lievito madre (per l'esattezza un anno e mezzo) me lo preparo handmade e direi che come gusto non ci sia altro pane comprato al forno che tenga :)
cibo e sicurezza alimentare sono alla base della nostra costituzione fisica e mentale. nonostante il fatto che siamo nel 2012 il numero delle persone che non possono permettersi pasti regolari non soltanto nei Paesi considerati poveri, ma anche nelle nazioni più ricche è in aumento. facciamo attenzione a non sprecare nemmeno una mollica di pane e non solo pane!

per la campagna “IO NON MANGIO DA SOLO” ho scelto questa ricetta della zucca, che mi è stata tramandata dalla mia cara zia Silvana (la più piccola delle sorelle di mia madre) perché da cibo povero della cucina antica, oggi questo ortaggio si è finalmente riscattato conquistando un posto di assoluto rispetto sulle tavole di tutti! è la zucca, la protagonista in cucina in questa calda e accogliente stagione autunnale e il suo colore arancione riempie di gioia solo a guardarla. si sposa perfettamente con molti ingredienti e grazie alle sue proprietà risulta essere quanto mai ricca di vitamine e fibre e con l’aggiunta delle molliche di pane la rende un pasto unico. in più la zucca è una pianta resistente e tenace che non richiede particolari cure per crescere così come credo siano determinati i volontari di questa Organizzazione Non Governativa che da più di 45 anni si impegnano a realizzare  programmi di sviluppo per rendere i popoli che hanno difficoltà nella crescita ad essere autonomi e a superare i problemi che si presentano nella quotidianità in modo da avere un futuro migliore. in questo piatto c’è tutto. c’è la terra, il sole, l’amore e il sapore della sensibilità umana.
 
 
zucca arrangata o arracanèt (in dialetto foggiano)
Ingredienti:
1.2 kg di zucca
40 gr di mollica di pane raffermo
2/3 peperoncini
2/3 spicchi di aglio
prezzemolo tritato q.b.
olio q.b.
½ bicchiere di acqua
sale e pepe q.b.

prendere una teglia e versare un bel giro d’olio e.v.o. tagliare a pezzetti la zucca e metterla nella teglia con tutti gli ingredienti: spicchi d’aglio, peperoncini, prezzemolo tritato, mollica di pane , sale e pepe a vostro piacimento. mettere sul fuoco e versare ½ bicchiere d’acqua. tutto a crudo e coprire con il coperchio. ogni tanto mescolare con un cucchiaio di legno e cuocere per circa 30 minuti o fino a che la zucca non sia cotta. oggigiorno viene messa al forno per far sì che le molliche di pane si abbrustoliscono. io l'ho fatta come una volta cotta sul fuoco perchè allora il forno non c'era.

P.S.: mia zia mi ha detto che mio nonno Paolo alle volte arricchiva questo piatto con della uvetta (o uva sultanina) e con  delle olive nere J
P.S.bis: è anche la Giornata Mondiale dell'Alimentazione che ha lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica sul problema della fame e della malnutrizione nel mondo con l’obiettivo di superare tali problemi spronando le persone a combattere.
P.S.ter:  è pure il World Bread Day  la giornata mondiale del pane.
quindi alla fine della fiera anche se in extremis
sono  strafelice di postare questa ricetta in un giorno pieno di bellissime iniziative :)
 
Share:

6 commenti

  1. ma grazie a te Virginia per questa splendida iniziativa :)

    RispondiElimina
  2. Buonissima questa ricetta!! Adoro la zucca, sono brindisina e quando sento "arracanate" mi commuovo! Baci

    RispondiElimina
  3. allora silvia non ti devo dir nulla in fatto di "a'rianèt" o "arracanèt" :)))) un bacio :D


    grazie maia!

    le ricette dei nostri nonni e della nostra cucina regionale povera ma antica sono sempre buone e piene di sapere oltre che di sapore ;)

    RispondiElimina
  4. io ho scoperto le preparazioni arraganate...solo perchè il suono di questa parola mi ha incantato...e poi sono rimasta stregata dal gusto. :)

    RispondiElimina

Template by pipdig