venerdì 1 novembre 2013

questo piccolo cece nero

mi capita una o due volte al mese di andare nella Vallesina presso il Caseificio Piandelmedico dell' AziendaTrionfi Honorati.  ogni volta è sempre una sorpresa di gusti e bontà. si perché in questo caseificio non si vendono solo formaggi freschi, semi stagionati o stagionati tradizionalmente come: yogurt di bufala o di mucca (in vasetti di vetro o in bottiglie) robioline vaccine e bufaline, primo sale, ricottine, caciotte con il rosmarino, il tè  verde ;-) il finocchietto,  il pepe rosa, le spezie, il peperoncino e chi più ne ha più ne metta! ma anche marmellate e confetture, mostarde, gelatine di vino, salse e  salumi (la mortadella è una favola) farine di kamut e di cece nero, da cui vengono prodotti pane e prodotti da forno come grissini, biscotti e schiacciatine. poi ci sono i cosiddetti prodotti di nicchia come il Dadone blu, la Piattella, il Bucarello e la Gessatina che sono veramente sublimi. e non finisce qui perché hanno anche una coltivazione di canapa per la realizzazione di articoli cosmetici, come creme e saponi, prodotti alimentari come birra, formaggi. ho assaggiato i grissini fatti con i semi di canapa, sono da urlo!  in ultimo ma non perché non merita ma in quanto si raccoglie in questo periodo c’è questo piccolo cece nero. il cece nero è un legume tipico della Murgia Carsica (Presidio Slow Food). seminato sin dall'ottocento era consumato nelle famiglie rurali per darlo alle partorienti in quanto è ricco di proprietà nutrienti, in particolar modo del ferro (tre volte tanto la quantità presente in un cece comune) e sembra appunto che il colore scuro della buccia sia dovuto proprio alla quantità di ferro presente mentre il suo interno è di un color paglierino.
 
un legume piccolissimo, rugoso e irregolare! per me è stata una scoperta!
a differenza del comune cece bianco, il cece nero si mette in a mollo per 24 ore. io l’ho cotto come di solito faccio con il cece bianco: in un tegame, coperto con dell’acqua ho aggiunto uno spicchio d’aglio, una carota, una costa di sedano, della cipolla e un rametto di rosmarino. la cottura è molto più lunga perché ha una buccia consistente. l’ho cucinato per circa tre ore a fuoco lento, cambiando l’acqua anche due volte (tinge l´acqua di cottura di un intenso colore nero), poi una volta cotto l’ho condito con pochissimo sale e  pepe, perché è già saporito di suo e con un abbondante giro d’olio d’oliva. Il risultato? Buonissimo e vellutato!
La prossima volta voglio provare ad abbinarlo alle vongole per farne un sughetto J
P.S.: ogni volta che vado al Caseificio Piandelmedico mi ritrovo sempre con dei prodotti in più nella borsa della spesa rispetto a quelli che avevo messo nella lista! ti senti incantato nel vedere tutte queste delizie "mangerecce" che non puoi non farne a meno ;-)
 
a presto!
Share:

Nessun commento

Posta un commento

Template by pipdig