giovedì 20 novembre 2008

Una passeggiata tra tradizione e modernità!

E così dopo aver girato in lungo e in largo il Salone del Gusto e dopo aver cenato con dei Food Blogger, il giorno dopo cioè la domenica mattina del 26 ottobre scorso, sono andata a vedere Eataly il grande supermercato di cibi di alta qualità. Dovevo assolutamente vederlo perchè non è che Torino è dietro l'angolo! E' molto lontana da Ancona e nel pomeriggio mi avrebbe aspettato un viaggio in treno lungo 7 ore! Un Regionale che si fermava ovunque e strapieno di gente, nè scendevano venti di persone e nè salivano altre trenta! Mah... meglio che non ci pensi!

Allora come vi dicevo sono andata a vedere questo immenso supermercato, avevo sentito parlare molto nella sfera del Web di questo posto che la curiosità in me era molto, ma molto forte! Certo ce nè un altro a Milano ma è molto più piccolo perchè si trova al piano sotterraneo della Coin in Piazza Cinque Giornate (ancora però non ho avuto modo di vederlo) ma in rete ho letto che dovrebbero aprirne di altri in città italiane come Genova, Milano, Verona, Roma, Bologna, Firenze, Napoli, Bari e Palermo. Uno è stato aperto a Tokyo e prossimante anche a New York come Londra.

Eataly si trova a pochi metri dal Salone del Gusto in via Nizza e quella domenica era una bellae calda giornata di sole e appena arrivata lì, davanti all'entrata ci aspettava questa bella e gigante farinata, che poi veniva tagliata in pezzetti e messa in vassoi di cartone coloro d'oro, dove la gente in coda aspettava il suo turno per poterla mangiare, mentre si sentiva nell'aria un profumino di caldaroste proveniente da un rivenditore lì accanto, con tanto di locomotiva, guanti e coltellino per incidere le castagne e arrostirle!

male come inizio no?
Dopo varie foto e guardato dal di fuori questo monumento al cibo mi avvio ad entrare con una certa fretta presa dalla voglia di vederlo anche all'interno e curiosare tra gli scaffali per trovare qualcosa di veramente particolare e introvabile da altre parti!

Appena entrata mi son trovata davanti a questo enorme telo dove c'è scritto: "Mangiare è un atto agricolo" e ti dà il Benvenuto! Ma che carini che sono :)

In effetti è questa la filosofia di Eataly, mangiare bene per stare meglio, comprare solo quello che ti serve e consumare i prodotti locali sani e freschi, in collaborazione con Slow Food e i suoi presidi.

Alla destra dell'entrata vedo uno spazio dedicato ai libri, tutti inerenti all'arte culinaria, diciamo trattasi di letture gastronomiche con libri sia per gli adulti che per i banbini, dai ricettari ai libri romanzo e a quelli illustrativi pieni di foto fatte da fotogarafi professionisti!

Se salite questa scala a chiocciola,
troverete una biblioteca telematica
con più di mille volumi dedicati al cibo

Una parete riempita con molte copie di questo libro "Il mercante di utopie" di Anna Sartorio, in pratica è la storia dell’imprenditore torinese Oscar Farinetti che ha inventato Eataly, il più grande supermercato enogastronomico del mondo a quanto sembra!
Nella libreria ho trovato anche un calendario grtuito a forma di ruota dove sono indicati i prodotti ( verdura e frutta) che si devono consumare a seconda della stagione, veramente interessante!
Sezione dedicata ai bambini con libri illustrativi molto simpatici e istruttivi e con titoli molto carini come "Golosi di numeri"- "Aaam me la mangio!" - "A pranzo con la regina dei prati"- "Il giardino da sgranocchiare"
Accanto alla libreria c'è questo spazio con poltrone e tavolini per chi vuole approffitare per rilassarsi un po' o per chi vuol leggere qualche rivista, per chi vuol sfogliare un libro da comprare o come questi anziani per chi ha voglia di sbirciare tra i quotidiani.

Quando ho visto questi quattro anziani signori intenti nel loro leggere non ho restisto, ho preso la macchina fotografica e li immortalati, era troppo carina la situazione e il momento :)

Andando più avanti della libreria c'è allestito un apple corner con una decina di Computer iMac a disposizione gratuita per navigare, troppo bello!
E poi via a girare i vari piani (sono tre) e reparti del supermercato passando da quello del tè a quello del pane, da quello delle spezie a quello della verdura, della frutta, degli ortaggi, dal reparto dedicato ai vini e alle birre a quello dedicato al tartufo, insomma c'è nè per tutti i gusti!

Si perchè qui si trova di tutto! e molti reparti ricordano le bancarelle dei mercati rionali, però rivisitate in chiave moderna, carini ma un po' finti per me! Quelli veri sono tutta un'altra cosa!

In effetti ci sono banchi come al mercato, banconi con le tettoie ricoperte con colorate righe di stoffa dove sono esposte le verdure, gli ortaggi e le erbe aromatiche tutto garantito e certificato, con soffitti di vetro proprio per far sembrare un mercato all'aperto come in una piazza o in quartire.
Il latte appena munto e non pastorizzato e il pane di una volta fatto con il lievito madre! Il vino come il latte che si vende sfuso portando una bottiglia di vetro vuota, evitando così lo spreco e riducendo il prezzo.
Ci sono i ristorantini, banconi tipo tavola calda, punti di ristorazione ma con menù d’alta cucina e monotematici per salumi e formaggi, carne, pesce, piatti vegetariani, agrigelateria, caffetteria, pizza e focaccia, pasta, tapas e birra. Ci sono anche piatti da asporto per poterli gustare a casa con tutta calma e tranquillità.

Eataly è sorta nello storico edificio che ospitava la Carpano famosa fabbrica attiva dal 1908 sino alla fine degli anni ottantta da dove è nato il Vermouth (vino liquoroso aromatizzato) la cui storia è ricordata nel museo che si trova al piano di sopra con l'esposizione di casse marchiate a fuoco, sacchi di yuta, bottiglie di vetro per la conservazione delle erbe aromatiche e manifesti come quello qui sotto che ci riportano indietro nella storia.


Punto di ristoro dedicato al tartufo,
sia quello di Alba che quelo di ACQUALAGNA!


La celebre pasta Gragnano, l'acqua minerale delle Alpi Marittime Piemontesi, il vino del Piemonte e Veneto, l'olio della riviera di Ponente ligure, salumi e formaggi piemontesi, la Granda la miglior razza da carne del mondo sempre piemontese e poi e poi chissà quante altri cibi mi son scordata di elencare...
Eventi su prenotazione come:

1) a cena con i grandi chef;
2) corsi di enogastronomia;
3) appuntament con i presidi Slow Food;
4) aperitivo con il produttorre;
5) incontri con i grandi;
6) degustazioni letterarie;
7) eventi straordinari.

Per ulteriori informazioni su questi eventi
andate al sito di Eataly!



Reparto dedicato ai dolci e al caffè


e quello alle spezie e alla frutta candita


una magia di mille colori e profumi inebrianti
bellissimo spazio!
Il vero
CHINOTTO di Savona
e
la vera
GAZZOSA del limone di Amalfi

La pescheria in tutta la sua bellezza con il pesce spada, la palmita, la ricciola, il dentice e le orate, pesci che sono del mare Mediterraneo e accanto quelli del mare Atlantico come gli scampi, il dentice, la pescatrice,le cappessante e le osriche della Francia.
Per concludere mi sono portata a casa il famoso pesto alla trapanese, tanto parlato e discusso qui, con pomodoro pelato, mandorle tostate, prezzemolo, peperoncino, aglio, sale olio evo già mangiato su delle bruschette calde che devo dire sono state una bontà!

Una salsa di rucola, olio evo e formaggio robiola, (caglio, latte vaccino e sale), una marmellata di limoni del Parco Nazionale delle Cinque Terre, una gelatina di uva zibibbo di Pantelleria, un sacchetto di mele piemontesi secche, 500 gr di riso del FALASCO - riso integrale ed aromatizzato VENERE, un libricino del tè e altre cosucce che non vi dico quanto ho pagato alla cassa perchè i prezzi a me son sembrati un po' carucci.



Son d'accordo che la qualità del prodotto è ottima ma non credo che tutti possano permettersi di comprare certe cose da mangiare in particolar modo oggi con questa crisi economica che ci troviamo ad affrontare!

Un grande spazio di enogastronomia made in Italy per scoprire sapori e imparare a conoscere il cibo, prodotti garantiti con il marchio DOC DOP ecc. quindi generi alimentari di alta qualità; uno spazio attento a rispettare l'ambiente e la natura, però mi è sembrato un po' modaiolo! o fashion o cool come volete chiamarlo...

N.B. i carrelli e i cestini del supermercato sono stati realizzati riciclando le bottiglie di plastica una bella innovazione!

Il luogo merita comunque una visita ma

l'acquisto deve essere accorto!

Eataly
Torino Lingotto
Via Nizza 230, interno 14
Aperto tutti i giorni dalle 10 alle 22:30
http://www.eataly.it/
Share:

20 commenti

  1. Sono senza parole....cosa darei per andarci.........non ne ero a conoscenza.....ma ora che lo so cercherò di programmare una gita a Torino!
    Un bacio.

    RispondiElimina
  2. Scusa ma ho pasticciato con la lista sotto....non so se hai avuto gli altri commenti. Bacioni

    RispondiElimina
  3. No, mi risulta solo quello qui sopra...
    baci

    RispondiElimina
  4. grazie per questa meraviglia!!!
    attraverso le tue foto e'come esser stata li

    RispondiElimina
  5. Vabbè mi complimentavo per il bellissimo post!!!!Sei bravissima....ma ci vieni a Roma il 6/7??? Bacioni grandi

    RispondiElimina
  6. Carla ti ringrazio per i tuoi reportage sempre interessantissimi, straesaurienti e curati alla perfezione in ogni dettaglio.
    Mi hai fatto venire voglia di andarci...ed anche di svuotare un pò il portafoglio, eheheheh...mannaggia quante buone cose che ho addocchiato....
    bacioni!!!

    RispondiElimina
  7. Carla....sai che non avevo mai capito che era sto eataly,...ma tu sei stata chiarissima...ora non ho più un dubbio sicuramente un posto affascinante...grazie un bacio

    RispondiElimina
  8. Chapeau carissima... un post veramente prezioso e interessante!
    Compliments
    Grazia mammazan

    RispondiElimina
  9. Ciao Carla,
    complimenti per questo bellissimo reportage!
    Non avevo mai sentito parlare di Eataly prima d'ora e penso che in un posto così io ci potrei passare intere giornate! La maggior parte del tempo nel reparto libreria e in quello di dolci e caffè! :) buona serata!
    Babi

    RispondiElimina
  10. Quante cose meravigliose, ci hanno già rapiti, figurati quando saremo a Roma e potremo guardare, toccare, comprare! Ho già messo gli occhi su tutta una serie di libri, so già che farò girare la testa a Luca perchè mi fermerò ovunque! Complimenti per i tuoi servizi che sono sempre superbi! Ci verrai a Roma?
    Un bacio da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  11. Questa volta son venuta a stomaco pieno!!!! Quindi è stata meno una sofferenza soffermarmi a guardare le tue bellissime fotografie e le tue descrizioni!!! Ma quando mi autoinvito a cena da te??????
    Un abbraccio, Cathy Fata Bislacca

    RispondiElimina
  12. Come sempre i tuoi reportage sono accurati e interessanti. Anche io trovo piacevole Eataly e mi diverte curiosare tra le varie proposte!
    Visto l'orgoglio campanilistico ... rivendico i natali albesi di Oscar :-)))) Baci

    RispondiElimina
  13. Mi piace molto il motto "mangiare è un atto agricolo" e mi piacciono moltissimo le foto. è difficile invece esprimere una preferenza sul banco più bello, tutti incantano.
    ciao carla

    RispondiElimina
  14. un analisi giusta ed attenta, io ritengo che aprirne uno o due ha senso tanti mi viene qualche dubbio, perchè l'alta qualità è possibile solo quando c'è poca produzione, sarà dura nel tempo sostenere questi principi

    RispondiElimina
  15. *mirtilla: thanks :D

    *Paola e luca & sabrina: non credo di venire...ho degli impegni con i figli...però voi farete dei post dove mi racconterete l'evento :D giusto?

    *simo: eh già ci vuole un portafoglio un po'
    pieno :)))

    *Twostella: il piemonte è una terra ricca di prebilatezze, nè ho scoperte alcune che non conoscevo prorprio! Ma d'altronde l'Italia con le sue regioni ha un miliardo di prodotti buonissimi e introvabili da altre parti del mondo :D

    *fatabislacca: ahahah...guarda fata mi fai morire dalle risate! Se eravamao un po' più vicine ti invitavo di sicuro! :D

    *a.o : si è vero aiuola, questo motto è molto azzeccato e importante per mangiare sano, grazie per i complimenti, un bacio :)

    *gunther: in effetti è vero anche quello che dici tu, ma penso per sostenere la piccola produzione si ha bisogno di farla conoscere e incentivare così le vendite altrimenti mi sa tanto ch questi piccoli produttori andranno a scomparire dal mercato...
    E'comunque questo un tema assai difficile e complicato da gestire

    RispondiElimina
  16. una bellissima passeggiata gastronomica, grazie di tutte queste foto che ci hanno illustrato questo spazio...baciooooni

    RispondiElimina
  17. Ma che bellissimo post e che bellissimo posto XD!!! Darei una gamba per poterci andare!!
    Complimenti per il blog ti inserisco tra i miei preferiti.
    Baci

    RispondiElimina
  18. Carla, che emozione vedere il mio librino tra queste foto... nemmeno il mio editore ha mai visto il suo spazio da Eataly "dal vivo"...
    Io ci sono stata in primavera ed inevitabilmente ci ho lasciato un bel gruzzolo, d'altra parte farebbe voglia di comprare TUTTO!
    Sai cosa, io penso che l'idea di una catena di negozi così non sia male, ma se veramente si vuole diffondere la cultura del buon cibo tra la gente, invece che aprire a NY o a Tokio, bisognerebbe farlo qui in Italia, cercando di evitare l'immagine di luogo d'élite.
    Sono tornata da Londra innamorata dei supermercati Waitrose, che rappresentano abbastanza fedelmente quello che io intendo.
    Bella questa tua nuova veste!
    Un bacio e buona giornata

    RispondiElimina
  19. *astrofiammante: a besos! :D

    *farfallina: ma grazie dei complimenti, vengo da te a curiosare :)

    *elisabetta: in effetti quei quadernini mi ricordavano qualcosa ma non mi ricordavo bene cosa!^? MAnnaggia me ne sono dimentica:((( di ossersare attentamente gli autori così lo avrei preso. Che peccato!
    Ma ora me lo ricorderò bene :))

    RispondiElimina
  20. Interessantissimo! sei un'ottima cronista sai, chiara completa e frizzante. :)
    ciao! (ma quanto freddo fa??)

    RispondiElimina

Template by pipdig