mercoledì 16 settembre 2009

Espressamente Mantova!

E' molto difficile iniziare a parlare del Festivaletteratura di Mantova giunto alla tredicesima edizione e per me la quarta a cui partecipo. Ogni anno dico che è l'ultimo ma poi una volta lì mi viene già la nostalgia al secondo giorno! Le cose da raccontare sono molte e il tempo è tiranno, in più oggi iniziano le scuole, il maschio va alle superiori e la femmina in terza media (o scuola secondaria di primo grado :P) in più la prossima settimana mia figlia fa la Cresima, la casa è da sistemare e...e insomma sono molteplici le cose da fare! Ma qualcosina ve la racconto per poi ritornare in maniera più dettagliata sugli eventi che ho visto, sperando di farcela!

Questo di quest'anno è stato un Festival con un pubblico più numeroso leggendo i giornali (in effetti eravamo in molti e il caldo pure, ehm voglio dire che ci segue sempre!) e un pubblico molto attento e appassionato! Un Festival che ogni anno ci arricchisce culturalmene e che si può gustare come uno vuole, senza percorsi obbligati ma scegliendo gli eventi che più sono consoni alle persone. E per me e le mie amiche è stato all'insegna delle scrittrici! Su otto eventi sei sono stati al femminile :-) !!!
Inizio per elencarvi gli eventi visti:
1. Muriel Barbery con Caterina Soffici;
2. Margaret Mazzantini con BrunoQuaranta;
3. Alicia Gimènez Bartlett con Paolo Zaccagnini;
4. Stefania Bertola con Paolo Colagrande;
5. Rosella Prezzo e Anna Vanzan con Anna Maria Crispino con VELI D'ORIENTE E VELI D'OCCIDENTE;
6. Pulsatilla con i ragazzi del Blurandevù;
7. Ezio Raismondi con Elia Malagò;
8. Mario Calabresi con Jeff Israely.
Mi sarebbe piaciuto partecipare all'evento delle famose "Sorelle Simili" Margherita e Valeria Simili con Clara Sereni e Roberta Corradin nella "CUCINA DEGLI AFFETTI" ma purtroppo l'evento era di giovedì pomeriggio e io sono arrivata di venerdì, come pure mi son persa "Assenzio - La fata verde"- della chef Clara Zani in collaborazione con Gelateria Chantilly presso il Pensatoio, troppi eventi e poco tempo! Anche se a riguardo del libro delle Sorelle Simili "La buona cucina di casa" sfogliato nelle librerie di Mantova, la penso come dice Stefano Bonilli nel suo Blog!
Ma nella borsa della spesa ho comprato diversi libri di cui alcuni vedete qui sotto i titoli, due sono di Stefania Bertola una scrittrice che francamente non conoscevo ma che si è rilevata una sorpresa tanto è vero che ho comprato due, dei suoi cinque libri che ha scritto finora! E' amica carissima di Lidia Ravera e lavora con Luciana Littizzetto :-), l'altro libro è di una scrittrice francese Irèn Frain sulle riflessioni del sesso, della cucina e della letteratura!
1. Nè parliamo a cena di Stefania Bertola - "Un cocktail di umorismo di acume introspettivo e di disincata conoscenza del pianeta donna "- LA STAMPA.
2. A neve ferma sempre di Stefania Bertola - "Un intrico di amori e avventure in una pasticceria: spassosa e ironica metafora dei pasticci della nostra vita - PAOLA MASTROCOLA.
3. La felicità di far l'amore in cucina e viceversa di Irèn Frain - Ed. Ponte alle Grazie.

"Socrate, che fu tanto riverito e tanto onora l'umana ragione, se vi faceste a leggere il Convito vedreste che tra i piatti e l'allegria insegnava la sua filosofia."
Giuseppe Giusti 1843
Share:

18 commenti

  1. Sei la mia guru di letture!

    RispondiElimina
  2. Ho seguito qualcosina via radio e mi immaginavo che tu fossi lì. Amo queste manifestazioni. Peccato essere sempre così lontana.

    Un abbraccio
    Alex

    RispondiElimina
  3. Non sapevo esistesse questo festival, a leggere il tuo post mi è venuta voglia di essere lì nelle prossime edizioni e mi sa che acquisterò qualche libro della Stefania Bertola.
    1 abbraccio virtuale

    RispondiElimina
  4. Ma Carla... peccato non averti vista al Festival! Per un attimo ho pensato fosse colpa della Fata Verde dell'Assenzio...
    E' sempre magica l'atmosfera che si crea a Mantova durante i giorni del Festivaletteratura: gente affamata di cultura (oltre che di risotto alla pilota e tortelli di zucca!), suoni e musiche d'altri tempi in ogni angolo della vecchia città, e perfino il Rio non sembra più lo stesso così addobbato a festa! Un esperimento "buttato lì" 14 anni fa da pochi temerari librai sognatori, nella convinzione che la letteratura potesse raccontarsi in ogni sua forma e derivazione e dare spettacolo.
    Ci avevano visto giusto.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  5. *Sara: ma dai non scherzare :)

    *cuoche dell'altro mondo: ed io peccato non essere lì vicino a te per andare a vedere i meravigliosi mercatini floreali e dolciari ;)

    baciiii

    *federica: benvenuta nel mio blog dove si mangia e si legge con passione :-)

    Grazie dell'abbraccio!

    RispondiElimina
  6. *CookChic: ciao Clara!!!

    ...non sono riuscita a venire all'Assenzio...ma la fata verde mi ha portato un pezzetto della tua magica torta alla mele ;-)...

    Hai detto bene "gente affamata di cultura"!

    Il Rio è stupendo, ogni anno si abbellisce di strutture all'avanguradia fatta da persone artistiche incredibili! E' meraviglioso! e quei teli al vento con parole scritte? Guarda io sono sempre stupita e ammaliata e affascinata da queste cose!

    Baci

    RispondiElimina
  7. ciao carla,
    grazie mille per tutte le informazioni e le idee che mi stai passando! fortuna che ci sei tu :-)
    buona giornata

    RispondiElimina
  8. deve essere stato davvero interessante!!

    auguroni per tua figlia :-)

    RispondiElimina
  9. mi dispiace di averlo perso. il prossimo anno lo metto in calendario

    RispondiElimina
  10. E' già trascorso un anno dal festival?? Mi ricordo il tuo post passato ... beata te, che bellezza, quello che fanno a Pisa, bhè ... lasciamo perdere ...

    RispondiElimina
  11. *barbara: ma di niente! E' un piacere :-)

    *il_cercatore: grazie paola!

    *antonietta: si prova a venire e vedrai che non te ne pentirari! Ciao :)

    *susina: eeeggià, qui il tempo corre velocemente...ma dai quello di Pisa non è un interessante? Che peccato...baci

    RispondiElimina
  12. Il prossimo anno spero davvero di poterti fare compagnia!

    RispondiElimina
  13. Ciao!!! La mia raccolta "salads" a cui hai partecipato si è tramutata finalmente in pdf!!! Passa da me se vuoi scaricarlo!!
    Ciao!!

    RispondiElimina
  14. me lo potevi dire... ci venivo di corsa :)
    ciao
    Enrico

    RispondiElimina
  15. *elisabetta: eli dai vieni!!! sarebbe un piacere immenso condividere il festical :-)

    *susina: fatto! Sei stata bravissima a raccogliere tutte le...quante ricette? 150? Ohhhohh! Mamma mia ce nè per tutti! Kiss

    *lefrancbuveur: a saperlo che ci saresti venuto! :)))) ah proposito ti ocnsiglio il prossimo anno di venire amche a quello delle Psioni che si è rilevato fantastico!

    RispondiElimina
  16. Oh Carla, che bello!!! Sono due anni che, a cuasa del lavoro, non riesco più ad andare. Mi hai rimandato indietro nel tempo, a sensazioni bellissime. Mantova poi ti resta nel cuore. Grazie... titoli segnati!!!

    RispondiElimina
  17. Ah che brava estimatrice la Carla!!! ^.^ Che bel post!! ;) Anche a me il libro della Frain ispira parecchio.. vedrò! Sulle Simili son d'accordo, diciamo che la grafica e l'estetica in genere non è mai molto soddisfacente.. ma ci accontenterem della sostanza!! Baci cara!

    RispondiElimina
  18. *lacquadorosa: Hai detto bene! Ti rimane nel cuore, nella mente emnei dogni :-) io non riesco a starne lontana! Mi trasferisco???:)

    *VanigliAli: il libro della Frain l'ho iniziato da pochi giorni ma promette bene :-) eh si perla sostanza delle "Sorelle Simili" nulla da dire ^_^ baci a te carissima! :-)

    RispondiElimina

Template by pipdig