martedì 2 agosto 2011

Profumo di pane con lievito madre!

Bell’impegno che mi sono presa! Beh si ecco questo dono che mi è arrivato in casa è un bellissimo dono! Ma è da accudire, coccolare e rinfrescare tutte le settimane quindi capirete che l’impegno e la costanza da mettere è inevitabile! Anche perché altrimenti se non si fanno i rinfreschi addio lievito madre!  Ecco l’ho detto! Ho ricevuto in regalo il levito madre! Però e c’è un però, ne vale la pena! Perché  se prendete mano e vi organizzate (quello che ho fatto io) tutto diventa facile, semplice, divertente e soddisfacente! Si soddisfacente è la parola esatta!  All’inizio quando ho ricevuto il lievito da Daniela che ha fatto da tramite tra me e il suo proprietario, cioè Fabio, suo cognato, appassionato della lievitazione naturale e di tutto ciò che gli gira intorno, ho avuto un certo timore e preoccupazione perché ero inesperta e non sapevo bene come fare per tenerlo in vita.  Ma dopo ore e ore di documentazione,  leggendo qui, leggendo qua e da altre parti la mente si è schiarita e i pensieri dubbiosi sono svaniti! Puff! Fabio non lo conosco personalmente, ci siamo scambiati solo delle mail per darci consigli vari ma spero presto di incontrarlo e ringraziarlo di persona! E’ quasi un mese che ogni settimana faccio i rinfreschi (sono gli impasti per far riattivare il lievito) e che chiamo zie, parenti e amici per donare una parte del lievito che non uso :-) un andirivieni di persone, di telefonate, chiacchiere e varie sull’esito dei vari esperimenti che si fanno! Per il momento ho provato a fare solo il pane e la focaccia genovese in modo da imparare bene come si fa e ora dopo vari esperimenti posso dire di aver capito come si fa a fare un pane dalla crosta croccante e dalla mollica alveolata e leggera.

E sono giunta alla conclusione che non avendo voglia di lavorare con le mani l’impasto per una ventina di minuti buoni, non avendo l’impastatrice e vedendo che con questo metodo il pane viene buono lo stesso ho modificato un po’ di ricette e il risultato eccolo qua:
Pane con lievito madre senza impasto a modo mio :-)
Ingredienti
250 gr di pasta madre
250 gr di farina manitoba
250 di farina 00
350 gr di acqua
1 cucchiaino di miele di acacia
2 cucchiaino di sale
Come vi dicevo sopra l’importante è organizzarvi e per me fare questo lavoro alla sera prima di andare a dormire è efficiente e per nulla faticoso! Poi ognuno di noi ha i suoi tempi e i sui spazi, quindi provate quando volete J  questo è solo un mio personale consiglio!
Allora dopo aver cenato, quando c’è un po’ di pace in casa, mi prendo  250 gr di pasta madre dal frigorifero togliendo la parte dura che si forma sopra. Questa è da buttare o al massimo da farci delle frittelle (ancora da provare per me).  Il resto lo rinfresco. Aggiungere 350 gr di acqua tiepida, un cucchiaino di miele di acacia e con una forchetta sciogliere bene il lievito fino a che sia tutto liquido e senza grumi. Aggiungere la farina di manitoba “0” e l’altra di tipo “00” e alla fine 2 cucchiaini di sale. Ah tutto ciò lo faccio in una ciotola capiente di plastica così non sporco niente :-) quindi impasto dentro la ciotola fino ad ottener una palla. La copro con un la pellicola trasparente per alimenti e la lascio lievitare tutta la notte per questo ho detto di prepararlo alla sera così voi andate a dormire e alla mattina del giorno seguente  troverete l’impasto lievitato non del doppio ma del triplo! A questo punto lo trasferite sulla tavola di legno o spianatoia  infarinata, impastate appena un po’giusto il tempo per formare una palla e cominciate ad allargare l’impasto con le mani. Fate delle piegature verso l'interno, cioè prendete i 2 lembi superiori sovrapponendoli, prima un lato e poi l’altro. Prendere la punta e portatela al centro e infine chiudete. Capovolgere l’impasto e coprirlo con un panno inumidito. Lasciar riposare per un’oretta ancora. Nel frattempo portate il forno ad una temperatura di 250°, prendere una teglia tipo quella per fare la pizza, coprirla con della carta da forno, spennellata con un po’ d’olio. Trasferirci sopra il pane e fare dei tagli obliqui sulla superficie o come più vi piace. Potete spolverare anche con un po’ di farina. Infornare nella parte bassa del forno e abbassare la temperatura a 200° e cuocere per circa 40 minuti. Quando il pane esce dal forno si fa un pochino raffreddare e si mette nel panno. Il filone va tagliato dall’inizio mai al centro perché ci sono i batteri che ancora fermentano. Per il momento il pane che ho sfornato non ha avuto il tempo di raffreddarsi perché i miei figli si sono “buttati” ehm “lanciati” ehm nemmeno questo verbo va bene ma avete capito il significato! Insomma hanno subito tagliato delle belle fette di pane e se le sono mangiate così J altre volte hanno aggiunto delle fettine di burro, rare volte è riuscito ad arrivare a pranzo per accompagnare il secondo.

Dirvi che un pane così è buono è superfluo! Di più! E’ davvero invitante e profumato e in più è una soddisfazione immensa averlo fatto! Ti riempie la giornata di buon umore oltre che di profumo! Quel profumo di pane appena sfornato.
P.S. : per chi volesse darmi altre informazioni, consigli, suggerimenti vari scrivete pure!

 Nel frattempo per tutti coloro che ancora non sono  partiti per le vacanze vi lascio questa cartolina dalla "Baia di Portonovo". Un tramonto incantevole e romantico. Ideale per festeggiare una data importante per me e mio marito J guardandola forse vi sembrerà di stare in vacanza :-)
...a presto Carla! 
Share:

13 commenti

  1. Carla che bello e profumato il tuo pane!!! ho provato qualche tempo fa a fare il apne con il lievito madre e devo dire che è un sapore unicooooo!!!! poi la mia scarsa propensione materna verso lieviti, piante, insomma ad oggetti poco animati che non si fanno sentire quando mi dimentico di loro...ha fatto fare una brutta fine al lievito:(
    la cartolina è spettacolare!!!!!!
    regala grandi emozioni ed evoca bellissimi ricordi!!!! come l'alba vista dalla spiaggia di numana il giorno del mio matrimonio :) di quasi due anni fa, 8 agosto manca poco :))
    grazieeeee!!! e tanti auguri per la vostra data importante!!
    baci

    RispondiElimina
  2. Il lievito madre è una creatura un pò impegnativa, ma una volta che la scopri, non ne puoi più fare a meno!
    Ottimo il tuo pane...e buona vacanza!

    RispondiElimina
  3. che meraviglia questa pagnotta!

    RispondiElimina
  4. Sto crepando di invidia :-D Io coi lievitati non ho molto feeling... Complimenti davvero, per questo pane favoloso, per il blog, pieno di idee interessanti, per la tua bravura... e chi più ne ha più ne metta! :-)

    RispondiElimina
  5. No eh, non si può tentar così una ragazza a dieta! Sei diabolica e poi il mare alla fine!!! Aaaa! :)

    Un bacio

    RispondiElimina
  6. *chiara: ma augurissimi allora!!! il mio anniversario è il 31 luglio e il panorama che si vedeva dal ristorante era questo :) il pane fatocon ikl lievito madre è veramnete unico e sapere poi che l'hai fatto con le tue mani lo rende ancora più speciale! un bacio

    *simo: eggiàààà :) diventi dipendente ;) e vederlo ogni volta crescere con quelle alveolature ti rende orgogliosa e felice...non sono in vacanza ma al sabato e alla domenica è come se lo fossi perhè avere queste posti così vicini ti fa sembrare di esserlo :)

    *lerocherhotel: grazie mille! e vedessi anche le altre che jho sfornato ma che non sono riuscita a fotografare...in più ora nel mio piccolo e per quel poco che conosco, capisco meglio il lavoro che fanno i fornai, sarà impegnativo e faticoso ma pieno di passione e orgoglio :)

    *Lucia: ma grazie mille Lucia! sei gentile e carinissima :)

    *Kafcia: su dai ogni tanto bisogna fare qualche strappo alla dieta :) io senza pane non riesco a mangiare...anzi mangerei solo pane ma dopo lieveterei come il lievito madre ;) quindi solo con il secondo o come bruschetta ;) a kiss

    RispondiElimina
  7. Il profumo del pane appena sfornato è qualcosa di unico..

    RispondiElimina
  8. Che bello il pane fatto in casa! Qunado ho un pò di tempo proverò questa ricetta, grazie!

    RispondiElimina
  9. Il lievito madre è proprio come un bambinello! Va curato e amato. Io ne ho eredito un pezzetto dal maestro Adriano e da Paoletta, ho anche tentato di ucciderlo un paio di volte, ma Paoletta mi ha salvato in corner!!!! Certo che il pane con la pasta madre è tutta un'altra cosa, ma ci vuole grande dedizione e pazienza! E l'arte dimenticata dell'attesa... Baci CArla

    RispondiElimina
  10. Questo blog è bellissimo,mi sono iscritta così ti seguo..se ti va vienida me e fallo anche tu..se ti va..

    RispondiElimina
  11. Carla il tuo pane è davvero invitante, con quella bella crosticiona!!! appena sfornato me lo vedo già con un po' di burro...
    Avevo anch'io il mio LM ma per impegni e forse pigrizia l'ho abbandonato al suo destino ma prima di perderlo ne ho congelato un pochino (da qualche parte ho letto fosse lecito) Mi tenti molto...
    dimmi anche della focaccia ho fatto molti tentativi ma mai troppo soddisfacenti ( da queste parti siamo un po' esigenti...)
    baci
    simonetta

    RispondiElimina
  12. Ottimo il tuo pane...e buona vacanza!

    RispondiElimina
  13. Ciao, ho provato la tua ricetta. Dopo la lievitazione della notte l'impasto era diventato davvero grande, ma manipolandolo di nuovo si è ridotto alle dimensioni iniziali... Ho sbagliato qualcosa?ciao e grazie, Lucia

    RispondiElimina

Template by pipdig