martedì 10 febbraio 2009

La mia zuppa preferita!

Riemergo per un attimo dai libri per prendere una boccata d'aria nella cucina e distrarmi un po' da questi giorni intensi di informatica. Ma è una storia infinita!? L'informatica ehhh mi sembra la tela di Penelope...entri in un argomento e non finisci più a trovare la fine della matassa. Ma voglio distrarmi un po' altrimenti il cervello mi prende fuoco e quindi quale rimedio se non quello di tuffarmi in questa zuppa?

Questa è la zuppa pugliese ed è la mia zuppa preferita. E' un piatto caratteristico della festività del Natale pugliese e in effetti la trovavo sempre sulla tavola di mia zia Rosetta a San Severo in provincia di Foggia quando andavo da piccola, io e la mia famiglia a trovarla per passare il Capodanno. Abbiamo passato molti Capodanni nella sua casa, insieme agli altri fratelli e sorelle di mia madre, in quanto avendo molto spazio per contenere tutti ci ritrovavamo lì con i zii, i cugini e i vicini di casa. Una zuppa quindi a me molto cara per i ricordi che si affacciano alla mia memoria e molto appettitosa con ingredienti prettamente pugliesi! E così a Natale e non solo a Natale oramai, oltre a preparare i tortellini in brodo preparo anche questa zuppa di pane, formaggi e carne, un piatto unico molto importante!
... i miei figli che prima facevano smorfie e facce disgustose al solo sentirla nominare ora stravedono e apprezzano chiedendomi spesso: "mamma quando ci prepari la zuppa?" :) e quindi ora è il piatto preferito da tutti noi, anche da Whisky e Fiocco (il nostro cane e il nostro gatto) ...
La materia prima è il pane pugliese che se non si ha quello la zuppa non viene bene e poi ci vuole un buon brodo di pollo o meglio ancora di cappone perchè la zuppa viene valorizzata al meglio come pure l'aggiunta degli aromi è di fondamentale importanza in quanto danno al brodo quell'aroma profumato e quel gusto essenziale e neccessario che solo i veri intenditori di brodo possono capire.
Quindi se non si hanno gli ingredienti di prima qualità non si ha la vera zuppa pugliese!
Il pane pugliese oggi giorno si dovrebbe trovare un po' in tutta la Penisola come pure un buon cappone nostrano se avete un contadino vicino a voi chiaramente!
Ancora dalle mie parti riesco a trovare polli e capponi ruspanti :)
Molti danno per scontato che la preparazione di un brodo di carne sia la cosa più semplice da fare, e certamente è così, solo che bisogna sapere un po' di regole semplici ma essenziali.
Ingredienti per il Brodo:
- Mezzo cappone;
- 500 gr di carne di manzo o vitello non troppo magra;
- Aromi diversi come coste di sedano, carote, dei pomodorini rossi, due patate e una cipolla;
- Sale grosso marino q.b.

Preparazione del brodo:
Prendere un tegame di ampie dimensioni, alto e di materiale adatto alle lunghe cotture in grado di non conferire cattivi sapori alle vivande e mettere a cuocere la carne con gli aromi in abbondate acqua fredda, portarla ad ebollizione lentamente. L'acqua scaldandosi lentamente provoca la caduta delle materie albuminose contenute nella carne cedendo al brodo i suoi sapori. Mentre le scorie vengono in superficie prendete una schiumarola ed eliminatele. Abbasssare il gas e cuocere per almeno due ore. Aggiungere poco sale all'inizio della cottura e un cucchiaio alla fine della cottura in modo che il liquido non diventi salatissimo per la prolungata appunto cottura.
Ingredienti per la zuppa:
- 1/2 chilo di pane pugliese o di Altamura;
- 200 gr di caciocavallo o provolone stagionato;
- grana padano a volontà;
- una mozzarella;
Preparazione della zuppa pugliese:
Tagliare il pane a fette e mettere ad abbrusolirle nel forno, devono essere abbrustolite entrambe le parti. Disporre il pane in un tegame in modo da farmare uno strato, disporre sopra la carne del cappone e del vitello a pezetti, mettere una buona grattata di grana padano, dei pezzetti di mozzarella e di caciocavallo. Ridisporre un altro strato di pane e rimettere sopra dell'altro caciocavallo, mozarella, carne e grana padano. Coprire con il brodo di cappone sino a tre centrimetri dal bordo del tegame e mettere in forno a 180° per circa una mezz'ora.
Accompagnatela con un buon verdicchio e il risultato è davvero ottimo!
P.S.: appena passata questa settimana ritornerò tra voi tutti a salutarvi e a vedere le vostre nuove ricette :) nel frattempo vi mando un bacione grande...
Bye Carla
Share:

13 commenti

  1. Non conoscevo questa zuppa, dev'essere buona buona.....
    baci!

    RispondiElimina
  2. Non conoscevo il tuo blog e neanche questa zuppa, che devo rifare assolutamente. Davvero molto invitante

    RispondiElimina
  3. Carletta!!! Che bello sei tornata!!! E con un bellissimo piatto, mi immagino il sapore, ma come hai ben detto se non sitrovano gli ingredienti originali non è la stessa cosa!!! Bacione e a presto

    RispondiElimina
  4. Ciao Carla!!!! Quante belle ricette, credo che copiero' qualcosina......

    RispondiElimina
  5. Già con i Simply Red mi avevi conquistata, appena aperto il blog...e poi, con questa zuppa...deve essere una vera bontà : tu, poi, la leghi a dei bellissimi ricordi, e per te deve avere un sapore ancor più speciale, intimo...Il pane di Altamura l'ho assaggiato quest'estate, ed è letteralmente da urlo!!!! Buono studio, cara Carla, e un bacione! :-)

    RispondiElimina
  6. wow....che ricca questa zuppa! non la conoscevamo..ma sembra molto saporita...e calda!!
    bacioni

    RispondiElimina
  7. che buona che deve essere questa zuppa:-)
    Annamaria

    RispondiElimina
  8. Sembra davvero ottima e ricca, con tutto quel formaggio è proprio attraente! Splendida idea!

    RispondiElimina
  9. Un po' di pausa é d'obbligo altrimenti il cervello non regge e fai benissimo a recuperare l'energia con questa zuppa che mi sà dovro' solo assaggiare in Puglia!!! Il pane d'Altamura l'ho mangiato grazie ad una collega di lavoro che me lo portava a settembre al rientro delle vacanze purtroppo questa mia collega é in pensione...impossibile trovarlo dalle mie parti :P
    Buon studio :)))

    RispondiElimina
  10. un bacione tesoro...e ora forza è l'ultimo round...e poi libera ti penso ti penso ti penso tanto che quasi mi materializzo per un piatto di zuppa abbracci

    RispondiElimina
  11. le ricette che ci ricordano delle cose piacevoli sono anche più gustose, semplici magari ma mooolto più gustose!!!!!!
    ;-)

    RispondiElimina
  12. ciao carletta, un saluto al volo.
    prendo un po' di zuppa se non ti dispiace, sembra irresistibile.
    a presto
    a.o.

    RispondiElimina
  13. noto un ottimo moncaro accanto alla tua gustosa zuppa ;).ciao cara!

    RispondiElimina

Template by pipdig