lunedì 28 novembre 2011

Topinambur arraganati o reanati!

Topinambur topinambur ma cosa sarà mai questo tubero che dalle nostre parti è poco conosciuto? E non è nemmeno facile a trovarlo? Ma quest’anno all’Orto Antico ce ne sono moltissimi. Quindi topinambur a volontà! E’ anche chiamato tartufo di canna, patata selvatica o del Canada. La sua pianta assomiglia a quella del girasole solo è più piccola e dà i suoi frutti verso settembre/ottobre ma anche a novembre dato che nel nostro orto li ho raccolti l’altra settimana J Il bello è che quando sradichi questo arbusto rimani sorpresa per i tuberi che contiene sotto terra! E se scavi sotto ancora sotto ne trovi altri. La sua forma è particolare come vedete, tutta bitorzoluta con molte piccole sporgenze, la buccia è striata e di colore rosa fucsia, l’interno invece è bianchissimo! Certo che per pulirli è stata una bella impresa! La terra era ovunque e quella nascosta nelle fessure strettissime era difficile da togliere ma con una spugnetta piano piano ce l’ho fatta!
Avevo chiesto su FB qualche ricetta e in molti mi hanno risposto di cucinarli con il risotto che viene buonissimo o di farne una vellutata. Però sabato sera avevo bisogno di un contorno e siccome il loro sapore è simile a quello del carciofo mi è venuta in mente una ricetta che mia madre fa spesso appunto con questo ortaggio. E' una ricetta pugliese che faceva spesso la nonna materna! Trattasi dei carciofi "arrangati" o come dice mia madre "reanati" almeno se si ricorda bene…oramai sta qui da 50 anni e del suo dialetto se ne sono perse le tracce. Vabbè se c’è qualche pugliese in zona  o dintorni dica pure se questo è il nome giusto J


Topinambur arrangati o reanati
Pulire bene i topinambur e come detto sopra, mi raccomando guardare bene tra le fessure essendo un tubero con molte sporgenze piccole da tutte le parti la terra è dappertutto. Metterli  poi nell’acqua con del succo di limone per non farli annerire. Pelare la buccia con un coltellino curvo per verdure o spelucchino e poi tagliarli a fettine sottili come si fa con i carciofi, se avete un buon coltello alveolato come questo Santoku della Zwilling che ho usato io è meglio altrimenti farete più fatica. Metterli in una pentola bassa ma larga con dell’acqua, olio e.v.o in abbondanza e un bicchiere di vino bianco, prezzemolo, sale, pepe e peperoncino. Li ho cucinati per circa 30 minuti o sino a che non vedete che il liquido si sia ristretto. Da accompagnare ad un bel filetto è il massimo ma anche da soli non è da meno. Alcuni li ho arricchiti con  dei piccoli rubini di melograno. Una bontà!

Buon Lunedì a tutti! :)
Share:

11 commenti

  1. ciao Carla
    ero curiosa di vedere la tua preparazione...ottima soluzione direi!
    Adoro i topinambur..ho più volte cercato di metterli a dimora nel mio bosco-giardino, ma sfortunatamente piacciono tanto anche ai cinghiali!!!
    (invidio un po' il tuo coltello...magari mi faccio un regalino a Natale...)
    simonetta

    RispondiElimina
  2. topinambur e melograno: bellissima idea carla!

    RispondiElimina
  3. Buongiorno Carla !!!!! Io non ne sapevo nemmeno l'esistenza.... quindi oggi ho scoperto una nuova cosa e inizio la settimana arricchita dalle tue news :)))))
    Un bacio e a presto

    RispondiElimina
  4. a me piacciono molto..e cucinati così sono davvero particolari..

    RispondiElimina
  5. fantastico...ecco un nuovo modo per farli...ottima ricettina
    un abbraccio

    RispondiElimina
  6. *aboutgarden: si sono buonissimi. qui da me sono piacuti a tutti!
    a mio figlio in particolare :)

    ...hanno quel sapore simile al carciofo che li rendeno particolari e fatti così sono venuti veramente buoni!
    proverò a mangiarli anche crudi nell'insalata perchè mi hanno detto che sono deliziosi :)
    il coltello che dire è proprio un must di coltello e come si vede la differenza con gli altri :)

    *sara: grazie sara! qualche chicco di melograno da gustare nel bel mezzo di un contorno come questo ti dirò niente male :)

    *morettina: beh nell'Orto Antico di specie particolari e in via di estinzione nè abbiamo diverse :) a presto!

    *Pippi: grazie! se li trovi al mercato provali :)

    *Lo: un bacione un abbraccio anche a te :)


    in questi giorni sono presa per un cosa che poi vedrete sabato quando sarà postata! quindi sono di corsa e non posso passare nei vostri blog a leggere le novità o a lasciare commenti...ma poi mi rifarò!

    Un bacio a voi tutti !!

    RispondiElimina
  7. Ecco un'ottima ricetta. Io rimedio sempre con una pur ottima vellutata.. ma così sono proprio buoni! Grazie Carla

    RispondiElimina
  8. giardinofiorito29 novembre, 2011

    Sono buoni, vero? e si possono cucinare in tanti modi diversi!

    RispondiElimina
  9. Usually I don't read post on blogs, but I wish to say that this write-up very forced me to try and do so! Your writing style has been amazed me. Thank you, very nice article.

    Here is my site; Biotin for Hair Growth
    Here is my blog ... Biotin for Hair Growth

    RispondiElimina
  10. Aw, this was an incredibly nice post. Taking a few minutes and actual effort to generate a superb
    article… but what can I say… I hesitate a whole lot and
    never seem to get nearly anything done.

    Feel free to visit my web page; wordpress studio
    Visit my blog post : wordpress studio

    RispondiElimina
  11. I blog quite often and I truly appreciate your information.
    This article has really peaked my interest. I am going to book mark your site
    and keep checking for new information about once a week.
    I subscribed to your RSS feed too.

    Have a look at my page ... how to get the static out of my hair

    RispondiElimina

Template by pipdig